dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 27 gennaio 2016

Opel GT Concept, discendente di razza

Erede della Opel GT e dalla Monza Concept, ha motore anteriore centrale e trazione posteriore

Opel GT Concept, discendente di razza
Galleria fotografica - Opel GT ConceptGalleria fotografica - Opel GT Concept
  • Opel GT Concept - anteprima 1
  • Opel GT Concept - anteprima 2
  • Opel GT Concept - anteprima 3
  • Opel GT Concept - anteprima 4
  • Opel GT Concept - anteprima 5
  • Opel GT Concept - anteprima 6

Niente di superfluo. Opel guarda al futuro con la massima purezza e toglie dalla GT Concept le maniglie, gli specchietti retrovisori esterni e anche i tergicristalli. Grazie alla tecnologia ormai i costruttori fanno a gara a chi “sottrae” di più dalle auto e un’innovazione fondamentale della GT Concept sono le grandi portiere con finestrini laterali integrati, il cui vetro passa senza soluzione di continuità nelle superfici verniciate. Esteticamente, come abbiamo già scritto in occasione del video teaser, è un omaggio al passato più prestigioso del marchio nell’orbita di GM o meglio la GT Concept discende direttamente dalla Opel GT e dalla Monza Concept. Presentata in anteprima mondiale al Salone di Ginevra (3-13 marzo) ha motore anteriore centrale e trazione posteriore.

Radici molto profonde

La filosofia stilistica di Opel per il futuro è quindi ben radicata nel passato. La GT Concept, che si muove sulle orme della Monza Concept, è l’erede diretta della Experimental GT, la prima concept car presentata da un costruttore europeo (era il Salone di Francoforte 1965), che si distingueva per innovazioni come i fari anteriori a scomparsa e una linea pura senza ornamenti superflui. Gli pneumatici anteriori rossi, montati su cerchi che ricordano volutamente dei pattini a rotelle, sono invece il riferimento alla Opel Motoclub 500, una moto del 1928 che sfoggiava gomme scarlatte. La linea ha quindi forti accenti retrò che si uniscono a soluzioni innovative come le portiere che aprendosi si inseriscono nei passaruota anteriori. Si tratta di un brevetto unico che consente di risparmiare spazio e avere un angolo di apertura particolarmente ampio, anche negli spazi più stretti. Una curiosità: per entrare nell’abitacolo il guidatore e il passeggero anteriore devono premere il touchpad delle portiere elettriche, integrato nella tipica linea rossa del tetto. Un'altra caratteristica della Opel GT Concept sono i gruppi ottici anteriori con indicatori di direzione integrati, così da essere inconfondibile anche di notte.

Sportiva a trazione posteriore

Il cofano allungato suggerisce la grinta della GT Concept, dotata di motore anteriore centrale, come la prima Opel GT e la Corvette, l'iconica sportiva statunitense anch'essa Made in GM. Il suo motore turbo tre cilindri da 1.000 cc è basato su quello in alluminio che equipaggia Adam, Corsa e Astra. La potenza dei 145 CV viene inviata all'asse posteriore dotato di differenziale meccanico autobloccante attraverso un cambio sequenziale a sei velocità, azionato da levette al volante, e la velocità massima di questa due posti da meno di 1.000 chilogrammi è di 215 km/h, mentre lo scatto da 0 a 100 km/h avviene in meno di 8 secondi.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Opel , ginevra


Top