Anticipazioni

pubblicato il 25 gennaio 2016

Volkswagen Golf, al Salone di Ginevra si rinnova

A quattro anni dal lancio sono attese modifiche al design, all'hi-tech e ai motori

Volkswagen Golf, al Salone di Ginevra si rinnova

Nel 2012 debutta una delle Golf - la "VII" - probabilmente più riuscite all'interno della storia di un modello comunque di grande successo. Una vettura così apprezzata da potersi permettere il lusso di un restyling "ritardato", (in attesa di vedere l'ottava che abbiamo già immaginato nel nostro rendering) rispetto alle serratissime tabelle di marcia che prevedono ormai il primo aggiornamento a tre anni dal lancio e la vita commerciale ridotta a soli sei anni, sette se va bene; eccezioni a parte, si intende. Detto questo, il tempo passa per tutti e la concorrenza non sta certo a guardare: Opel con l'Astra e Renault con la Megane, solo per citare gli ultimi due esempi, hanno appena rinnovato la propria offerta e, anche se il trono di auto più venduta d'Europa nessuno sembra in grado di sfilarlo alla compatta di Wolfsburg, è arrivato il tempo di darsi una rinfrescata.

Griglia, fari e paraurti ridisegnati

Secondo i ben informati - se non altro perché "vicini di casa" di Volkswagen - colleghi tedeschi di AutoBild, la Golf che verrà svelata a Ginevra si toglierà qualche ruga grazie a interventi mirati sulla griglia anteriore, sui proiettori e sui paraurti. In particolare, verrà dato maggior risalto alla "orizzontalità", in virtù dell'allargamento delle aperture per il passaggio dell'aria e della grafica interna dei proiettori rivista. Più marginali le modifiche nell'abitacolo: il punto di partenza è già buono e si è dunque deciso di limitare gli interventi a nuovi materiali, anche perché modifiche ben più importanti sono attese a livello di infotainment. Non solo, infatti, è atteso il Virtual Cockpit (disponibile ovviamente come optional), ma anche il nuovo schermo da 9,2" con gesture control, ovvero in grado di interpretare i movimenti delle mani e tardurli in input; un'innovazione presentata a inizio anno al Consumer Electronic Show di Las Vegas.

Un mostro da 420 CV

I tedeschi, si sa, sono persone competitive: Mercedes-AMG "osa" 381 CV con la sua A45? Volkswagen risponde con i 420 CV della R420. Un modello in serie limitata, che inizialmente doveva chiamarsi R400 (come i CV), ma che nel frattempo si è incattivito ulteriormente. Passando a motorizzazioni più "normali", l'ibrida plug-in GTE vedrà crescere la potenza da 204 a 218 CV (coppia a 400 Nm), per un consumo medio dichiarato secondo ciclo NEDC (particolarmente favorevole, dunque...) di 1,5 l/100 km. Ulteriori informazioni non sono al momento disponibili, ma secondo Autobild tutti i motori a gasolio dovrebbero ricevere modifiche in grado di ridurne i consumi.

Autore: Redazione

Tag: Anticipazioni , Volkswagen , auto europee , ginevra


Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 56
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 55
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 57
  •  - Salone di Parigi 2016 -
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top