dalla Home

Attualità

pubblicato il 7 settembre 2007

Negli USA, possibile rischio incendi per alcuni fusibili cinesi

L’ADUC scrive al Ministro Bersani

Negli USA, possibile rischio incendi per alcuni fusibili cinesi

Circa 300mila set di fusibili per automobili prodotti in Cina, ognuno dei quali ne conteneva circa 120, sono stati ritirati dal mercato americano perche' prenderebbero fuoco, col pericolo di bruciare l'intera auto.

I fusibili, immessi sul mercato con la marca Storehouse, sono venduti da due anni dalla Harbor Freight Tools, un grande distributore di ricambi di auto. Il nome del produttore cinese non e' stato per ora rivelato. Di conseguenza e' impossibile ancora sapere se questo prodotto e' stato distribuito anche in Europa.

I fusibili, una volta istallati, non sono rintracciabili, in quanto non presentano alcun tipo di segno di riconoscimento, come marca o numero di serie.

L'Aduc, Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, ha scritto al ministro allo Sviluppo Economico, Pierluigi Bersani, per saper se questo tipo di materiale e' presente anche in Italia.

Una interrogazione parlamentare e' stata annunciata dalla deputata Donatella Poretti.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , produzione , dall'estero


Top