dalla Home

Attualità

pubblicato il 14 gennaio 2016

Fiat Chrysler Automobiles replica alle accuse dei concessionari

L’atto di citazione non è stato ancora notificato, ma l’azienda prende le distanze

Fiat Chrysler Automobiles replica alle accuse dei concessionari

Dopo il tonfo in Borsa, FCA affida ad un comunicato stampa il commento alla notizia secondo cui due concessionari del Napleton Automotive Group di Chicago avrebbero denunciato FCA US per aver offerto loro denaro per gonfiare i dati di vendita. L’azienda dichiara che l’atto di citazione non è ancora stato notificato a FCA US. Inoltre, "la società è convinta del fatto che la causa sia infondata e sia stata promossa dal legale interno del concessionario proprio nel momento in cui FCA US discuteva con il gruppo del concessionario della necessità che quest’ultimo rispettasse i propri impegni in base a taluni dei contratti di concessione”, si legge nella nota, che conclude: “La società ha piena fiducia nella integrità dei suoi processi di business e dei suoi rapporti con la rete e intende difendere vigorosamente il caso”.

Autore:

Tag: Attualità , dall'estero


Top