dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 6 settembre 2007

Peugeot 308 IbridaHDi

Il futuro ecologico del Leone

Peugeot 308 IbridaHDi
Galleria fotografica - Peugeot 308 IbridaHDiGalleria fotografica - Peugeot 308 IbridaHDi
  • Peugeot 308 IbridaHDi - anteprima 1
  • Peugeot 308 IbridaHDi - anteprima 2
  • Peugeot 308 IbridaHDi - anteprima 3
  • Peugeot 308 IbridaHDi - anteprima 4
  • Peugeot 308 IbridaHDi - anteprima 5
  • Peugeot 308 IbridaHDi - anteprima 6

La tecnologia Ibrida HDi sta per essere presentata da Peugeot all'ormai prossimo Salone di Francoforte attraverso la 308 IbridaHDi, il prototipo che rappresenta un ulteriore passo in avanti verso la commercializzazione di questo tipo di propulsione (prevista nel 2010).

Il veicolo dimostrativo basato sulla 308 cinque porte Prémium Pack, monta la soluzione ibrida parallela abbinata ad un cambio meccanico robotizzato a sei marce (che può funzionare in modo automatico o manuale, con inserimento sequenziale delle marce). Nel dettaglio, la catena di trazione di tipo ibrido parallelo comprende il propulsore termico 1,6 litri HDi da 110 CV ed un motore elettrico da 16kW in continuo con una coppia di 80 Nm.

La "messa in tensione" del veicolo con la chiave di contatto si effettua senza alcun rumore, perché non viene avviato il propulsore termico. Premendo poi il pedale dell'acceleratore (con il cambio nella modalità automatica) entra in azione il solo motore elettrico. La partenza e l'arresto del motore termico sono assicurati dal sistema 'Stop and Start'.

I modi di funzionamento del gruppo motopropulsore sono gestiti dal PTMU (Power Train Management Unit - sistema di controllo di trazione e di frenata) in funzione delle sollecitazioni del guidatore. Il motore elettrico assicura da solo le partenze e l'avanzamento alle basse velocità, mentre quello termico viene sollecitato solo sui percorsi stradali e autostradali. I due motori entrano poi in funzione contemporaneamente nel caso di decise accelerazioni.

Infine, per informare in tempo reale il guidatore sullo scambio dei flussi energetici, sullo schermo a colori multifunzione (7²16/9) del veicolo può essere visualizzato uno schema di funzionamento, dove sono disponibili anche altre informazioni (come lo stato di carica delle batterie o la domanda di potenza richiesta ai vari motori).

Da segnalare, inoltre, che un pulsante specifico dà accesso ad una modalità di utilizzo elettrico puro chiamato «ZEV» (Zero Emission Vehicle) che consente di guidare in città senza inquinare ed in totale silenzio. Il motore termico entra in funzione sono in caso di accelerazioni decise o quando si raggiungono velocità elevate.

In termini di prestazioni dinamiche generali, queste sono paragonabili a quelle della 308 HDi di riferimento. Tuttavia le riprese, tanto in città quanto sulle strade extraurbane, sono più briose con l'Ibrido HDi poichè il motore diesel è "aiutato" dal motore elettrico che eroga potenze supplentari fino a 23 kW (e 130 Nm).

Il gruppo batterie assicura una tensione di 200 Volt, ma c'è ovviamente un convertitore (installato al posto della ruota di scorta) che li trasforma a 12 V. Le batterie sono di tipo Ni-MH, Nickel Metallo Idruro.

Riguardo ai consumi, nel ciclo misto questi sono di appena 3,4 litri ogni cento chilometri, con emissioni di 90g/km di CO2. La 308 ibrida inquina in altre parole il 38% in meno rispetto alla 308 HDi attualmente in commercio.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Peugeot , francoforte , auto ibride


Top