dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 13 gennaio 2016

Dossier CES Las Vegas 2016

McLaren 675LT JVCKenwood, addio specchietti

Un prototipo per mostrare come head-up display e monitor possono fornire vantaggi in una supercar

McLaren 675LT JVCKenwood, addio specchietti
Galleria fotografica - McLaren 675LT JVCKenwood conceptGalleria fotografica - McLaren 675LT JVCKenwood concept
  • McLaren 675LT JVCKenwood concept - anteprima 1
  • McLaren 675LT JVCKenwood concept - anteprima 2
  • McLaren 675LT JVCKenwood concept - anteprima 3
  • McLaren 675LT JVCKenwood concept - anteprima 4
  • McLaren 675LT JVCKenwood concept - anteprima 5
  • McLaren 675LT JVCKenwood concept - anteprima 6

La McLaren 675LT, i cui 500 esemplari previsti sono stati tutti vendute in un solo mese, rappresenta un esempio della riduzione del superfluo per ottimizzare le prestazioni; ora il team giapponese di JVCKenwood ha collaborato per la realizzazione di una speciale McLaren 675LT JVCKenwood concept, per sottolineare ancora di più questo concetto grazie a speciali applicazioni tecnologiche. Il modello, mostrato al CES di Las Vegas, celebra anche i 25 anni di collaborazione delle due aziende in Formula 1. Gli interventi di design, coordinati con Peter Wilkins di McLaren, privilegiano i toni scuri, come la pelle nappa Carbon Black, la finitura geometrica Black Tecnical per ridurre i riflessi davanti al guidatore, e altre tonalità in grigio; l'unico accenno di colore è dato dalle strisce in Calypso Orange. Poche concessioni di colore anche all'esterno, anche se le novità si concentrano sulla tecnologia.

L'eliminazione dei comandi dell'aria condizionata, optional sulla 675LT, ha permesso di ottenere spazio per specifici visori, mentre la strumentazione dietro il volante è stata sostituita da una bocchetta dell'aria, direttamente orientata sul pilota. JVCKenwood ha infatti applicato tre tecnologie: l'Head-Up Display (HUD) con Advanced Driver Assistance Systems (ADAS), in grado di fornire tutte le informazioni necessarie al pilota, e comandato da specifici tasti del volante della McLaren P1 GTR; le telecamere digitali aerodinamiche, che caratterizzano molto l'esterno della vettura, e che mandano il segnale a specifici monitor; il Digital Rear View Monitor (DRVM) con telecamera posteriore, che sostituisce lo specchietto centrale. Sistemi che vedremo, in futuro, non solo nelle supercar, ma anche in alcune auto di grande serie.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Prototipi e Concept , McLaren , auto europee , auto inglesi


Top