Prototipi e Concept

pubblicato il 11 gennaio 2016

Dossier Salone di Detroit 2016

Buick Avista Concept, il ritorno della tradizione sportiva

V6 da 400 CV, trazione posteriore, linee scultoree e abitacolo hi-tech per l'inedito concept USA di GM

Buick Avista Concept, il ritorno della tradizione sportiva
Galleria fotografica - Buick Avista ConceptGalleria fotografica - Buick Avista Concept
  • Buick Avista Concept - anteprima 1
  • Buick Avista Concept - anteprima 2
  • Buick Avista Concept - anteprima 3
  • Buick Avista Concept - anteprima 4
  • Buick Avista Concept - anteprima 5
  • Buick Avista Concept - anteprima 6

Buick, il sopravvissuto brand premium di GM presente in molti mercati internazionali, ma non da noi, mostra nuova vitalità con la Avista Concept, una coupé 2+2 dalle linee muscolose e dinamiche in linea con le ultime tendenze del marchio. Non solo una show car per il NAIAS di Detroit, ma anche un ritorno alla tradizione sportiva Biuck, un po' persa negli anni, rivisitata in chiave moderna. Tra gli elementi più caratteristici c'è innanzi tutto il frontale, molto profilato, con fari avvolgenti e sottili garantiti dalle forme dei LED, e una grande calandra con logo colorato e "baffi" laterali. Lo sbalzo anteriore corto, il cofano lungo e il montante arretrato tradiscono una disposizione meccanica tradizionale, con un V6 biturbo 3 litri da circa 400 CV, dotato di disattivazione dei cilindri Active Fuel Management, cambio automatico a 8 marce e trazione posteriore.

Nella fiancata della Avista sono evidenti le grandi ruote in alluminio da 20", con la fiancata che si stringe sulle portiere, dando ancora più risalto ai grandi parafanghi, e l'elegante linea del tetto, con la finestratura circondata da un unico profilo cromato, senza montante centrale. La coda, alta e sfuggente e dotata di doppi scarichi inserito nell'inserto posteriore, completa l'aspetto di coupé sportiva, dal passo lungo (2,811 mm) e dalle carreggiate ampie (1,601 mm davanti, 1,598 mm dietro), ma dall'altezza ridotta. Futuribile l'interno, con giochi tridimensionali di onde in pelle grigio chiaro e finiture in carbonio e alluminio, un abitacolo orientato verso il pilota, e un completo sistema informativo e multimediale a comandi touch, distribuito su schermi nella plancia e nel tunnel centrale. Sportiva, ma anche confortevole: la dotazione comprende un complesso sistema di cancellazione attiva dei rumori esterni, e purificatori d'aria con aromaterapia, mentre le sospensioni Magnetic Ride Control permettono varie tipologie di assetto.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Prototipi e Concept , detroit


Top