dalla Home

Curiosità

pubblicato il 8 gennaio 2016

Dossier CES Las Vegas 2016

Chevrolet Bolt, al CES debutta l'elettrica per tutti

Scatta da 0 a 100 km/h in 7 secondi, ha 320 km di autonomia e costa 30.000 dollari grazie agli incentivi

Chevrolet Bolt, al CES debutta l'elettrica per tutti
Galleria fotografica - Chevrolet BoltGalleria fotografica - Chevrolet Bolt
  • Chevrolet Bolt - anteprima 1
  • Chevrolet Bolt - anteprima 2
  • Chevrolet Bolt - anteprima 3
  • Chevrolet Bolt - anteprima 4
  • Chevrolet Bolt - anteprima 5
  • Chevrolet Bolt - anteprima 6

Ha avuto bisogno di un anno per trasformarsi da concept car a modello da produrre in serie, ma ora la Chevrolet Bolt è pronta a debuttare sul mercato americano a un prezzo di circa 30.000 dollari (7,500 dollari di incentivi inclusi) e con un'autonomia massima di 320 km. L'ha presentata al CES Mary Barra, il capo supremo di General Motors che si fa vedere solo quanto un'auto è particolarmente importante. E la Bolt lo è, perché la sua rivale naturale è la Tesla Model 3 che arriverà sul mercato con tempistiche simili, cioè a cavallo tra la fine del 2016 e l'inizio del 2017. La Chevrolet elettrica sarà prodotta nello stabilimento di Orion, ha un stile immediatamente riconoscibile, ospita cinque passeggeri e ha un bagagliaio da ben 478 litri. Il resto della scheda tecnica non è ancora completa, per ora si sa che il pacco batterie è piatto e collocato alla base del pianale e che l'accelerazione da 0 a 100 km/h richiederà circa 7 secondi.

Quanto ai tempi di ricarica, per arrivare all'80% con una colonnina fast servirà un'ora, mentre con la presa classica servono 9 ore per “fare il pieno”. Per conoscere tutte le sue caratteristiche bisognerà avere pazienza fino al Salone di Detroit, ma intanto sappiamo che l'interno è caratterizzato da un touchscreen centrale da 10,2 pollici che supporta il sistema di infotainment Chevrolet MyLink. Questo è in grado di mostrare tutte le stazioni di ricarica e di calcolare i percorsi più redditizi. Per facilitare le manovre di parcheggio, poi, c'è la Sorround Vision, una visuale aerea che mostra tutto quello che succede vicino all'auto. Ma è nell'aspetto social e nella predisposizione al car sharing che la Bolt dà il meglio di sé. Il Bluetooth è sempre attivo, anche all'esterno e la connessione OnStar 4G LTE prevede anche l'hot spot wi-fi e i controlli dell'auto da remoto. Infine, c'è una funzione “gaming” che confronta gli stili di guida dei vari conducenti. Il suo debutto in Italia però non è previsto, dato che il marchio lascia l'Europa.

Autore: Alessandro Vai

Tag: Curiosità , Chevrolet , auto elettrica , dall'estero


Top