dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 4 settembre 2007

Citroen C-Cactus Concept

Ecologia, eleganza ed economia

Citroen C-Cactus Concept
Galleria fotografica - Citroen Cactus concept al Salone di Francoforte 2013Galleria fotografica - Citroen Cactus concept al Salone di Francoforte 2013
  • Citroen Cactus concept al Salone di Francoforte 2013 - anteprima 1
  • Citroen Cactus concept al Salone di Francoforte 2013 - anteprima 2
  • Citroen Cactus concept al Salone di Francoforte 2013 - anteprima 3
  • Citroen Cactus concept al Salone di Francoforte 2013 - anteprima 4
  • Citroen Cactus concept al Salone di Francoforte 2013 - anteprima 5
  • Citroen Cactus concept al Salone di Francoforte 2013 - anteprima 6

Ai francesi, si sa, piace molto osare e spesso e volentieri le Concept Car che presentano non sono dei meri esercizi di stile fine a se stessi.
Con il nuovo C-Cactus, un prototipo che vedremo in anteprima mondiale al salone di Francoforte 2007, Citroen alza il sipario su di una nuova visione dell'auto, proponendo una berlina ecologica, elegante, dotata di trazione ibrida HDi, ed ipoteticamente offerta al costo di una C4.

Per raggiungere tali risultati, il Costruttore francese ha fatto in modo che C-Cactus fosse un veicolo essenziale, ecologico, e costituito da materiali riciclati o riciclabili come la specie vegetale da cui trae il nome. Le rotondità lo rendono un auto interessante, i dettagli ad angolo e sagomati della carrozzeria ne sottolineano il carattere dinamico ed al contempo semplice. Ad esempio, il pezzo utilizzato per il paraurti anteriore che include i fari e gli "chevron" è uguale a quello che compone la parte inferiore del portellone. La semplicità ritorna anche nella concezione del blocco anteriore, composto da soli due elementi: un cofano fisso, che ingloba i parafanghi anteriori, e uno sportellino che permette di accedere alle funzioni di manutenzione del veicolo (olio, liquido lavacristalli, ecc.).

All'interno dell'abitacolo, si notano altre peculiarità relative alla semplificazione delle funzioni. Il cruscotto è stato eliminato, e l'insieme delle funzioni che offre normalmente sono state riunite sulla console centrale e sul mozzo fisso del volante. La console centrale integra quindi gli altoparlanti attivi, il comando del cambio e uno schermo tattile, che permette di accedere al computer di bordo, al sistema di navigazione e alle regolazioni della climatizzazione. I comandi degli indicatori di direzione, delle luci, dei tergicristalli, dell'avvisatore acustico e del limitatore/regolatore di velocità si trovano invece sul mozzo fisso del volante, come il tachimetro e le spie degli indicatori di direzione, dei fari e le spie d'allarme. Inoltre, i sedili sono realizzati in due elementi: una schiuma poliuretanica con finitura colorata preformata e una scocca monoblocco, che sostiene la schiuma e permette di fissare il sedile a dei binari sul pianale. L'ergonomia dovrebbe essere garantita da un numero limitato di componenti. Per il confort e il benessere degli occupanti, offre un'abitabilità orientata alla famiglia, grazie ai 4,2 metri di lunghezza per 1,8 metri di larghezza, e propone numerosi equipaggiamenti come la climatizzazione automatica, un sistema audio di alta gamma con lettore MP3, un tetto vetrato panoramico e ancora il limitatore e il regolatore di velocità.

Dinamicamente, grazie alla sua catena di trazione ibrida HDi e al peso contenuto di 1.180 kg, C-Cactus raggiunge i 150 km/h di velocità massima registrando consumi dichiarati in 2,9 l/100 km e un livello di emissioni pari a 78 g/km di CO2. In utilizzo urbano, la modalità ZEV (Zero Emission Vehicle) permette di accedere ad una modalità totalmente elettrica e assolutamente silenziosa. In percorsi che richiedano accelerazioni e decelerazioni successive, l'ibridazione permette di limitare il consumo, facendo funzionare in concomitanza le due energie.

Sul fronte dei prezzi è poi sconcertante sapere come C-Cactus non costerebbe di più di una berlina familiare di gamma intermedia. Il controllo dei costi di fabbricazione prevede la scelta di materiali innovativi e la razionalizzazione della concezione, che hanno permesso di ridurre il numero di pezzi utilizzati. L'abitacolo di C-Cactus, per esempio, è infatti composto da poco più di 200 pezzi, vale a dire circa la metà di quelli di una berlina tradizionale di dimensioni identiche.

Galleria fotografica - Citroen C Cactus ConceptGalleria fotografica - Citroen C Cactus Concept
  • Citroen C Cactus Concept - anteprima 1
  • Citroen C Cactus Concept - anteprima 2
  • Citroen C Cactus Concept - anteprima 3
  • Citroen C Cactus Concept - anteprima 4
  • Citroen C Cactus Concept - anteprima 5
  • Citroen C Cactus Concept - anteprima 6

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Citroen , auto ibride


Top