dalla Home

Curiosità

pubblicato il 5 gennaio 2016

Dossier CES Las Vegas 2016

Bosch al CES 2016: l'auto guida e parcheggia da sola

Nuovo anche l'eCall retrofit, il touchscreen aptico e l'allerta contromano

Bosch al CES 2016: l'auto guida e parcheggia da sola
Galleria fotografica - Bosch al CES 2016Galleria fotografica - Bosch al CES 2016
  • Bosch al CES 2016 - anteprima 1
  • Bosch al CES 2016 - anteprima 2
  • Bosch al CES 2016 - anteprima 3
  • Bosch al CES 2016 - anteprima 4
  • Bosch al CES 2016 - anteprima 5
  • Bosch al CES 2016 - anteprima 6

All'edizione 2016 del CES di Las Vegas, la più importante fiera dell'eletronica di consumo, l'automobile è una protagonista assoluta perché i due mondi sono inevitabilmente intrecciati, come sa bene Bosch che da anni si occupa di mobilità connessa e ausili alla guida. L'azienda tedesca fa così sfoggio delle sue ultime tecnologie su ruote, a partire dalla guida autonoma che arriverà su strada nel 2020 e che è già in fase di sperimentazione su strada in Germania, Giappone e USA; il pilota automatico di Bosch è composto da sistemi e sensori che svolgono i compiti del guidatore sollevandolo dalla responsabilità di muoversi nel traffico, il tutto collegato in tempo reale con un flusso di informazioni da internet che creano un "orizzonte connesso" e permettono alle auto di sapere ciò che sta per accadere, a tutto vantaggio della sicurezza.

Parcheggio autonomo e assistente personale

Come dimostra Bosch a Las Vegas anche il parcheggio dell'auto non sarà più un'incombenza del pilota, ma sarà la stessa vettura che troverà posteggio e parcheggerà da sola. Al guidatore basterà lasciare l'auto all'ingresso del parcheggio e con un'app dello smartphone darle istruzioni per trovare un posto libero, grazie a sensori a bordo e nel parcheggio stesso. Prima di arrivare alla guida autonoma a diffusione mondiale, cosa ancora piuttosto lontana nel tempo, c'è comunque da affrontare il tema dell'interfaccia uomo-macchina del futuro, quello che Bosch definisce l'assistente personale del guidatore; il protoptipo di auto esposto al CES 2016 ha un grande schermo elettronico al posto del cruscotto che offre informazioni in tempo reale, allarmi e indicazioni utili, navigazione internet durante la guida autonoma e la possibilità di comandare attraverso lo smartphone alcuni servizi di domotica nella propria casa, come l'antifurto o il riscaldamento.

Il touchsreen fa sentire i pulsanti

Il dispositivo Bosch che si è meritato il CES 2016 Innovation Award è invece il touchscreen che al tocco sembra un vero tasto, ovvero lo schermo con feedback aptico che mentre si guida permette di percepire sotto le dita gli elementi del display. In pratica il guidatore non ha più bisogno di distogliere lo sguardo dalla strada perché a seconda delle funzioni lo schermo genera la sensazione di tasti lisci, ruvidi o con una trama, mentre per premere il pulsante virtuale basta premere con più intensità. Per risolvere invece il problema della guida contromano c'è poi l'allarme sul cloud sviluppato da Bosch che consente di allertare entro dieci secondi l'automobilista sul pericolo che corre. Il sistema, basato sul confronto fra i movimenti reali della vettura e il senso di marcia corretto, sarà offerto come servizio cloud nel corso del 2016 e sarà integrato sia nelle app come myDriveAssist di Bosch che nei sistemi di infotainment già esistenti.

Retrofit eCall, la chiamata d'emergenza è per tutti

Un'anteprima mondiale è invece l'eCall retrofit, il sistema di segnalazione d'emergenza che per la prima volta si può utilizzare su qualsiasi auto, anche non recentissima, dotata di accendisigari. Il nuovo accessorio aftermarket di Bosch rende così possibile avere la chiamata d'emergenza su tantissime vetture, attivata da un sensore integrato che rileva l'urto in caso d'incidente e invia la segnalazione ad un centro d'assistenza. Il Retrofit eCall di Bosch, dotato anche di presa USB per la ricarica di device mobili, si inserisce nella presa accendisigari e si collega con un'app allo smartphone, quella che provvede ad inviare il segnale e a fare in modo che l'assistenza possa richiamare il guidatore o allertare i soccorsi.

Top