dalla Home

Curiosità

pubblicato il 5 gennaio 2016

Dossier CES Las Vegas 2016

Harman, l'auto è sempre più connessa e "autonoma"

Al CES 2016 il colosso americano punta su navigazione e infotainment evoluti, integrati con l'internet delle cose

Harman, l'auto è sempre più connessa e "autonoma"
Galleria fotografica - Harman al CES 2016Galleria fotografica - Harman al CES 2016
  • Harman al CES 2016 - anteprima 1
  • Harman al CES 2016 - anteprima 2
  • Harman al CES 2016 - anteprima 3
  • Harman al CES 2016 - anteprima 4
  • Harman al CES 2016 - anteprima 5
  • Harman al CES 2016 - anteprima 6

Connettività, integrazione e flessibilità sono le parole d'ordine di Harman che al CES 2016 di Las Vegas presenta le ultime innovazioni in fatto di infotainment, navigazione e ausili alla guida dell'automobile. La mobilità di domani e dopodomani pensata dal colosso americano dell'elettronica e dei sistemi audio in auto è visibile nella più importante fiera del settore e la si può anche provare sul concept Rinspeed Etos che utilizza in particolare la nuova tecnologia LIVS (Life-Enhancing Intelligent Vehicle Solution) che impara i gusti dei passeggeri e adatta i sistemi di bordo alle singole necessità e preferenze. Grazie al LIVS di Harman gli occupanti della Etos possono comunicare con il sistema attraverso comandi vocali, gestuali, touch o la combinazione di questi, mentre l'ambiente interno si adatta automaticamente alle condizioni di guida.

Soluzioni modulari e schermi 4K da 21,5"

Il cuore del sistema è composto da soluzioni modulari e scalabili dotate di reti di comunicazione ad alta velocità, telecamere che controllano il mondo esterno, pannelli di controllo personalizzabili, navigatore con mappe 3D ad alta risoluzione e modalità e-Horizon che estende la visuale esterna con tecniche V2X. Il tutto è gestibile anche attraverso due grandi schermi curvi 4K da 21,5 pollici e un display centrale che offre tutte le informazioni utili a pilota e passeggero. La modalità di guida autonoma può trasformare l'auto in un ufficio mobile per tutti gli occupanti, con in più la sicurezza di connessioni protette da potenti firewall. Un'altra interessante soluzione portata da Harman al CES 2016 è quella dei sistemi avanzati di navigazione con Live Data Fusion, ovvero la possibilità di convogliare nelle mappe del navigatore i dati raccolti da diverse fonti, anche in tempo reale, per dare più precisione e sicurezza alla guida.

Live Data Fusion per una navigazione più completa

In pratica il sistema è in grado di raccogliere sul cloud i dati provenienti da sensori sull'auto, giroscopi, GPS, laser, radar e telecamere per elaborarli e unirli agli altri elementi raccolti da altre vetture connesse per fare in modo che chi guida possa conoscere anche con un certo anticipo situazioni d'emergenza come incidenti, fondi stradali scivolosi, lavori in corso o l'avvicinarsi di un'ambulanza. Nel grande evento di Las Vegas c'è poi posto per alcuni annunci importanti per i prossimi sviluppi della connettività in auto come ad esempio gli accordi di collaborazione fra Harman e Microsoft per l'integrazione in auto di Office 365 o quello che fa di Harman il primo partner d'integrazione per le piattaforme di "internet delle cose" dei dispositivi Brillo (Google) e Weave. Non mancano neppure nuove soluioni Harman per la musica in auto come il sistema audio Summit destinato ai più esigenti con 24 di amplificazione ed equalizzazione o il Voyager Drive che include un altoparlante portatile da usare sia in auto che fuori, connesso anche allo smartphone.

Autore:

Tag: Curiosità , guida autonoma , navigatori satellitari , sicurezza stradale


Top