dalla Home

Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 5 gennaio 2016

Telecamere e Rc auto, rischio ricorsi in caso di multa

Gli occhi elettronici devono essere omologati e il Ddl concorrenza potrebbe creare confusione

Telecamere e Rc auto, rischio ricorsi in caso di multa

La rivoluzione nel settore Rca è così impetuosa che le leggi si accavallano, dando luogo a qualche problema. In particolare, il problema riguarda la caccia ai 4 milioni di evasori Rca (automobilisti che viaggiano senza la copertura obbligatoria). Infatti, la Legge Stabilità 2016 stabilisce che le macchine senza assicurazione vengano scovate da autovelox, Tutor e varchi elettronici delle Zone a traffico limitato. Queste telecamere sono collegate a un database alimentato da Motorizzazione e compagnie assicuratrici: se emerge che la vettura non è in regola, scatta il controllo e l’eventuale multa. Ma i guai sono tre: li analizziamo in basso.

Prima questione

Anzitutto, le telecamere andranno omologate. E chissà quanto tempo passerà prima che il ministero dei Trasporti dia l’ok agli occhi elettronici. Tanto per dire, dal 2010 si aspetta un decreto ministeriale che dia il via alla spartizione dei proventi da autovelox fra Comuni ed enti proprietari delle strade fuori città. Inoltre, fuori dei centri abitati, questi strumenti possono essere installati e utilizzati solo sui tratti di strada individuati dai Prefetti. Tenendo conto del tasso di incidentalità e delle condizioni strutturali, plano-altimetriche e di traffico. Già oggi ci sono contestazioni legate alle multe per eccesso di velocità; figuriamoci cosa potrà accadere per le multe dovute a omessa Rca. Senza considerare i verbali per omessa revisione periodica obbligatoria: c’è il controllo con gli autovelox, anche in questo caso.

Seconda questione

In parallelo alla Legge Stabilità 2016, in Parlamento giace il Disegno legge Concorrenza. Che dice: “In occasione della rilevazione delle violazioni, non è necessaria la presenza degli organi di polizia stradale qualora l'accertamento avvenga mediante dispositivi o apparecchiature che sono stati omologati ovvero approvati per il funzionamento in modo completamente automatico. Qualora, in base alle risultanze del raffronto dei dati, risulti che al momento del rilevamento un veicolo munito di targa di immatricolazione fosse sprovvisto della copertura assicurativa obbligatoria, è prevista l'applicazione della sanzione amministrativa…”. Insomma, quasi una duplicazionedella Legge Stabilità. Solo che questa fa riferimento al database di Motorizzazione e assicurazioni; invece, il Ddl concorrenza, no. Così, aumenta la confusione.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , assicurazioni , autovelox , multe


Top