dalla Home

Attualità

pubblicato il 4 gennaio 2016

Pedaggi autostrade, primi aumenti del 2016

Ennesimo rincaro delle tariffe autostradali. Dal 1° gennaio si paga in media un +0,86%

Pedaggi autostrade, primi aumenti del 2016

Anno nuovo, solite batoste. Dal 1° gennaio 2016, sono entrati in vigore gli adeguamenti delle tariffe di pedaggio autostradale. Sono stati firmati, infatti, i decreti Interministeriali di concerto tra il ministro dei Trasporti e il ministro dell'Economia. L'aumento medio attualmente riconosciuto, calcolato sui veicoli-km che si prevede saranno percorsi sull'intera rete autostradale nel 2016, risulta pari allo 0,86%. Per tutte le Società per le quali è in fase di aggiornamento il relativo Piano economico-finanziario, gli aumenti tariffari sono stati provvisoriamente sospesi, posticipandone l'eventuale adeguamento all'approvazione dei Piani. Nel dettaglio: Asti-Cuneo S.p.A. 0,00%; ATIVA S.p.A. 0,03%; Autostrade per l'Italia S.p.A. 1,09%; Autostrada del Brennero S.p.A. 0,00%; Autovie Venete S.p.A. 0,00%; Brescia-Padova S.p.A. 0,00%; Consorzio Autostrade Siciliane 0,00%; CAV S.p.A. 0,00%; Centro Padane S.p.A. 0,00%; Autocamionale della Cisa S.p.A. 0,00%; Autostrada dei Fiori S.p.A. 0,00%; Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. 0,00%; Tangenziale di Napoli S.p.A. 0,00%; RAV S.p.A. 0,00%; SALT S.p.A. 0,00%; SAT S.p.A. 0,00%; Autostrade Meridionali (SAM) S.p.A. 0,00%; SATAP Tronco A4 S.p.A. 6,50%; SATAP Tronco A21 S.p.A. 0,00%; SAV S.p.A. 0,00%; SITAF S.p.A. 0,00%; Torino - Savona S.p.A. 0,00%; Strada dei Parchi S.p.A. 3,45%; Bre.be.mi. 0,00%,TEEM 2,10% e Pedemontana Lombarda 1,00%.

Torna la parola "solo"

Gli aumenti del 2016, dice il ministero "riguardano solo 6 delle 26 tratte affidate in concessione". Quella parola usata dal dicastero, "solo", serve ad addolcire la pillola, in realtà molto amara. In particolare, per la società Autostrade per l'Italia, l'incremento pari a 1,09% deriva dalla remunerazione di investimenti pregressi, in Convenzione unica del 2007 e nell'Atto aggiuntivo sottoscritto nel 2013. La variazione della Società Satap A4, pari a 6,5%, è connessa agli investimenti della terza e quarta corsia nella tratta Torino-Milano; mentre per la Società Strada dei Parchi, l'incremento deriva dalla necessità di riconoscimento della spesa per l'adeguamento della tratta Roma-Lunghezza. Per la Satap A4 e per la Strada dei Parchi è previsto anche il recupero di compressioni tariffarie operate negli anni precedenti, necessarie ad escludere incrementi eccessivi futuri.

Sconti ai pendolari

C'è inoltre la richiesta da parte del ministero, a tutte le società concessionarie, di prorogare al 31 dicembre 2016 l'agevolazione tariffaria a carattere nazionale, relativa ai pendolari che percorrono l'autostrada, massimo 50 km, per raggiungere il posto di lavoro, scaduta alla fine dello scorso anno.

Autostrade infuriate

Tuttavia, l'Aiscat (Associazione italiana società concessionarie) non gradisce per nulla questi aumenti: "Ancora una volta, al riconosciuto impegno del settore autostradale italiano non è corrisposto analogo impegno da parte del Governo". Il motivo? "Ha concesso gli adeguamenti previsti contrattualmente solo a 6 società su 27". Ed ecco che la parola "solo" è sempre protagonista. "La maggior parte dei Piani finanziari delle concessionarie autostradali, scaduti tra il 2012 e il 2013, non risultano a oggi ancora approvati da parte dei ministeri competenti, nonostante siano stati presentati tempestivamente da parte dei concessionari e nonostante esistano, sulla tempistica relativa, precise indicazioni emanate dal Cipe". Ossia il Comitato interministeriale per la programmazione economica. Per l'Aiscat, "questo comporta, oltre a una violazione della normativa e del contratto, gravi danni per i concessionari i quali, in mancanza di un piano approvato, non sono messi in grado di effettuare gli ulteriori investimenti previsti, minando la credibilità delle aziende e del Paese con pesanti ripercussioni sulla bancabilità dei progetti". Insomma, la guerra delle concessioni 2016 è in atto.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , autostrade , tasse


Agos Ducato

Chiedi subito un prestito
Importo:
Num. Rate:
Top