dalla Home

Accessori

pubblicato il 28 dicembre 2015

Airbag per le ginocchia, un accessorio sempre più diffuso

Sono tantissime le auto che lo offrono di serie, dalle citycar alle limousine alle supercar

Airbag per le ginocchia, un accessorio sempre più diffuso
Galleria fotografica - Airbag per le ginocchiaGalleria fotografica - Airbag per le ginocchia
  • Airbag per le ginocchia - anteprima 1
  • Airbag per le ginocchia - anteprima 2
  • Airbag per le ginocchia - anteprima 3
  • Airbag per le ginocchia - anteprima 4
  • Airbag per le ginocchia - anteprima 5
  • Airbag per le ginocchia - anteprima 6

In principio fu del guidatore, poi del passeggero. Entrambi diventarono “frontali” quando arrivarono i laterali, dopodiché fu la volta di quelli a tendina, anteriori e posteriori. Stiamo parlando degli airbag, uno dei componenti che più hanno rivoluzionato la sicurezza delle automobili. Oggi ogni auto nuova ne offre nalmeno sei – frontali, laterali e a tendina – ma ci sono anche alcuni modelli che arrivano in doppia cifra. L'ultima tendenza, invece, iniziata a metà degli anni Duemila e rafforzatasi nell'ultimo biennio, è quella di offrire anche un airbag per le ginocchia del guidatore, che è di serie nella quasi totalità dei casi. La sua funzione è quella di proteggere la zona più esposta delle gambe dalla parte bassa della plancia, che in caso di urto frontale solitamente tende ad avvicinarsi al guidatore.

Per il guidatore

Trattandosi di un accessorio di sicurezza è sempre meglio averlo piuttosto che no, ma se proprio bisogna scegliere allora è particolarmente consigliato alle persone di bassa statura, che guidano alzando la base del sedile e trovandosi più vicine a volante e plancia. E non ci sono distinzioni tra citycar o auto di lusso, visto che il “kneebag” è montato di serie tanto dalla Abarth 595 e dalla smart, quanto dalla Bentley Flying Spur e dalla Lamborghini Aventador. Auto di prezzo, lunghezza, peso e conformazione differente, che però montano l'airbag per le ginocchia per proteggere meglio chi si trova al volante. Gli esempi proseguono con la Mercedes Classe C, la Porsche Cayenne, la Toyota Yaris e pure la GT 86, tutte dotate dell'airbag dedicato alle ginocchia del pilota.

Anche per il passeggero

Ma non è tutto, perché si sta iniziando a diffondere l'airbag per le ginocchia dedicato al passeggero. Lo monta, per esempio, la nuova Ford Mustang ma anche la Lexus NX ed entrambe lo offrono di serie. Il kneebag è un equipaggiamento standard anche sulle compatte del Gruppo Volkswagen, a partire dalla Golf, per continuare con la Seat Leon e la Audi A3. Curiosamente, quest'ultima è l'unica vettura di Ingolstadt ad offrirlo di serie, visto che nemmeno la nuova A4 prevede la possibilità di montarlo; al contrario, la gamma di Wolfsburg ne è fornita quasi totalmente. Ci sono auto, infine, su cui si può avere come optional, come la Skoda Yeti (285 euro), la Fiat Panda (250 euro) o la Volkswagen Up! (240 euro).

Autore: Redazione

Tag: Accessori , autoaccessori


Top