dalla Home

Attualità

pubblicato il 21 dicembre 2015

Dossier Dieselgate, lo scandalo dopo il caso Volkswagen

Dieselgate, lo scandalo nel 2015 di Google

Il caso delle centraline truccate Volkswagen è fra i più cercati dell'anno, superando anche l'acqua su Marte

Dieselgate, lo scandalo nel 2015 di Google
Galleria fotografica - Volkswagen, i protagonisti dello scandaloGalleria fotografica - Volkswagen, i protagonisti dello scandalo
  • Volkswagen Passat Variant 2010 - anteprima 1
  • Volkswagen Golf VI - anteprima 2
  • Martin Winterkorn    - anteprima 3
  • Matthias Muller	   - anteprima 4
  • Volkswagen, i protagonisti dello scandalo - anteprima 5
  • Motore Volkswagen TDI   - anteprima 6

L'automobile irrompe con forza nei Google Trends, ovvero negli argomenti più cercati in rete nel 2015, ma purtroppo lo fa per uno scandalo come il Dieselgate e non per l'ultima supercar milionaria che fa sognare il mondo. Il tema auto diventa per la prima volta popolare e cercatissimo come i più importanti fatti di cronaca a livello globale, visto che il caso dei motori TDI Volkswagen è scoppiato negli Stati Uniti, ma è rimbalzato subito in Europa e ha raggiunto tutti i punti del pianeta dove il gruppo VW è presente con capillarità. Lo scorso mese di settembre, con un picco il giorno 20, lo scandalo emissioni Volkswagen è stato infatti oggetto di oltre 13 milioni di ricerche su Google in tutto il mondo, segno che la notizia ha toccato un tasto delicato come l'automobile, anzi la propria automobile, visto che la vicenda delle centraline truccate sembrava riguardare inizialmente circa 11 milioni di veicoli.

Il Dieselgate interessa più dell'acqua su Marte

Per avere un'idea del clamore mondiale che ha avuto il cosiddetto Dieselgate basta vedere come i 13 milioni di ricerche abbiano superato su Google i 10 milioni relativi alla scoperta di acqua su Marte e i 12 milioni di "search" per il crollo della borsa di Shanghai; non troppo lontano quindi dall'interesse suscitato dall'uccisione del leone Cecil (32 milioni) o la crisi umanitaria dei migranti in Europa (23 milioni), ma assolutamente distante dagli attacchi terroristici di Parigi che guidano il 2015 con 897 milioni di ricerche su Google. La cosa più impressionante è il distacco che il caso Volkswagen ha dato ad altri richiami importanti come i motori Hyundai e gli airbag Takata. Potenza degli scandali mediatici verrebbe da dire, perché l'inizio di tutto è stati in America con le indagini dell'EPA e da lì è arrivato nel resto del mondo.

In Germania il maggiore interesse. L'italia è sesta

Fatto 100 l'interesse dell'argomento in Germania, il Paese più coinvolto dal punto di vista produttivo e di prestigio dell'intera filiera automobilistica, vediamo che Regno Unito e Svizzera a 54 precedono il Canada con 37 e gli Stati Uniti con 24, mentre l'Italia è sesta a quota 13 e a seguire Australia (12), Taiwan e Messico, entrambe a 4. Il resto del mondo sembra invece insensibile alla notizia del Dieselgate, mentre le tre domande poste con più frequenza su Google sono: A chi appartiene Volkswagen? Come ha fatto Volkswagen a truccare i motori? Quali veicoli Volkswagen sono coinvolti? Riguardo invece all'ex CEO del colosso tedesco gli utenti internet si sono chiesti: Quanto guadagna Martin Winterkorn? Che cosa sapeva Winterkorn? Perché il CEO di Volkswagen ha rassegnato le dimissioni?

Google - Year In Search 2015

2015: Google ci mostra le ricerche più popolari in rete

Autore:

Tag: Attualità , Volkswagen , google


Top