Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 18 dicembre 2015

Rca e revisione, controlli con autovelox e Tutor

La misura è nel Disegno legge Stabilità 2016 approvato dalla commissione Bilancio della Camera

Rca e revisione, controlli con autovelox e Tutor

Il problema numero uno della Rca elettronica (niente carta, dematerializzazione del contrassegno, digitalizzazione dell’attestato di rischio) è che mancano controlli efficaci. Per scovare i 4 milioni di veicoli che viaggiano senza Rca obbligatoria, servirebbero le telecamere, collegate al database alimentato da Motorizzazione e assicurazioni. Ma forse ora ci siamo: un emendamento al Disegno legge Stabilità 2016 stabilisce che autovelox e Tutor controllino le Rca sulle macchine. In più verificheranno se le vetture sono in regola con la revisione periodica.

Dove sta la novità

Tutto è scritto in un emendamento al Ddl Stabilità appena approvato dalla commissione Bilancio della Camera che modifica il Codice della Strada. Obiettivo, liberare agenti per controlli sul territorio (alcol test, droga) e delegare a sistemi elettronici l'accertamento di violazioni che possono essere controllate in automatico. L’emendamento a prima firma di Sergio Boccadutri (Pd) approvato renderà possibile una stretta sui controlli di Rca e revisioni. Non servirà più la contestazione immediata (l’auto fermata sul posto) anche per queste nuove violazioni, e dalle immagini si potrà risalire alle infrazioni grazie alla banca dati delle assicurazioni.

Attenti però…

Tuttavia, OmniAuto.it insiste: occorre cautela coi controlli automatici. Proprio nelle scorse ore, il ministero dell’Interno ha voluto mettere le cose chiaro: per paradosso, alla fine conta il certificato assicurativo di carta. Quel documento da portare in auto vale come prova assoluta che siete in regola con la Rca, che avete pagato tutto per tempo. Insomma, la fiducia data al database alimentato da assicurazioni e Motorizzazione non è sconfinata: se la banca dati non venisse aggiornata, o se una compagnia non molto efficiente non fosse pronta a inserire la vostra Rca nel “cervellone centrale”, la vostra vettura sarebbe senza copertura assicurativa agli occhi di autovelox e Tutor. A salvarvi è un pezzo di carta: il certificato. Paradossale in epoca di digitalizzazione, ma vero.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , assicurazioni , autovelox


Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 47
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 49
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 48
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 48
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top