dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 16 dicembre 2015

Dossier CES Las Vegas 2016

Rinspeed Etos, guida autonoma e drone di serie

L'ultima concept della factory svizzera è un concentrato di tecnologia e di soluzioni futuribili

Rinspeed Etos, guida autonoma e drone di serie
Galleria fotografica - Rinspeed EtosGalleria fotografica - Rinspeed Etos
  • Rinspeed Etos - anteprima 1
  • Rinspeed Etos - anteprima 2
  • Rinspeed Etos - anteprima 3
  • Rinspeed Etos - anteprima 4
  • Rinspeed Etos - anteprima 5
  • Rinspeed Etos - anteprima 6

Tra i prototipi più famosi creati dalla Rinspeed ci sono auto anfibie o addirittura subacquee, come la Splash e la sQuba, ma stavolta la factory svizzera fondata da Frank Rinderknecht nel 1979 ha deciso di cimentarsi in quella che sarà una delle tendenze principali dell'industria automotive del prossimo futuro, cioè l'auto a guida autonoma. Si chiama Etos Concept (scritta con la Sigma) e dopo il CES di Las Vegas debutta in Europa al Salone di Ginevra. Tecnicamente si tratta di una BMW i8 e non c'è bisogno di un occhio super esperto per capirlo; rispetto alla berlinetta bavarese sono cambiate alcune plastiche del paraurti, del frontale e della coda, oltre ai cerchi in lega che ora misurano 20 pollici e sono in alluminio e ceramica. Quello che invece cambia radicalmente rispetto alla i8, si trova dentro.

Il guidatore è al centro

Al centro del progetto, infatti, non c'è solo la guida autonoma, ma anche il rapporto tra utente e tecnologia. Per questo la plancia è tutta nuova e avvolge tanto il passeggero quanto il guidatore con due display curvi da 21,5 pollici. Quest'ultimo manovra l'auto con un volante ripiegabile sviluppato dalla ZF TRW, configurando un posto guida dove tutte le informazioni necessarie sono fornite senza particolari differenze sia in modalità autonoma che tradizionale. Anche il sistema di infotainment sviluppato da Harman, infatti, è in grado di trasformarsi in un assistente personale, interagendo col pilota si attraverso comandi vocali che gestuali. Non manca neppure un tocco di classe, come degli “obsoleti” libri cartacei alloggiati nel portaoggetti.

Il drone atterra sul cofano posteriore

La guida autonoma della Rinspeed Etos è supportata da otto telecamere ad alta definizione che hanno un angolo globale di 180° ed eliminano gli angoli morti, oltre a inviare sugli schermi interni immagini 3D relative ai punti di interesse. Così vengono monitorate anche le zone dove lo smartphone del guidatore non ha segnale. Il sistema, inoltre, è in grado di aggiornarsi “over the air” e di tenere sotto controllo lo sguardo del guidatore per capire dove sta puntando, così da concentrarsi sulle zone non coperte dal suo campo visivo. La stessa funzione, inoltre, accende gli schermi degli specchietti retrovisori virtuali solo quando sa che il guidatore li sta guardando, evitando distrazioni inutili. Il quadro tecnologico è completato dalla piattaforma di atterraggio (personalizzabile con 12.000 led) per il drone, ricavata sul cofano posteriore, dal sistema NFC per pagare i parcheggi e dalla ricarica wireless per smartphone.

Rinspeed Etos concept

L'ultima concept della factory svizzera è un concentrato di tecnologia e di soluzioni futuribili.

Autore: Alessandro Vai

Tag: Prototipi e Concept , Rinspeed , auto europee , motor show


Top