dalla Home

Curiosità

pubblicato il 14 dicembre 2015

Ford verso la guida autonoma in città

Le auto saranno in grado di gestire da sole gli ingorghi e anche di parcheggiare autonomamente

Ford verso la guida autonoma in città

La guida autonoma è forse la sfida più grande dei prossimi tre o quattro anni per tutte le Case automobilistiche. E' opinione comune, infatti, che entro il 2020 le driverless car saranno realtà e circoleranno sulle nostre strade o perlomeno dove sarà consentito dalla legislazione. La marcia di avvicinamento a questo momento, però, procede per gradi e la maggior parte dei costruttori si sta concentrando su lancio di sistemi per la guida autonoma in situazioni autostradali. Ford, invece, procede al contrario perché ritiene che la situazione più stressante per i guidatori e quindi quella su cui bisogna intervenire, sia quella di essere imbottigliati nel traffico. Si spiega così la volontà di avere una tecnologia di assistenza alla guida in grado di far muovere autonomamente l’auto nel traffico riducendo lo stress e aumentando la sicurezza.

Il Traffic Jam Assist

Così Ford sta sviluppando il Traffic Jam Assist, un sistema che tiene sotto controllo la posizione e il movimento delle auto circostanti utilizzando le linee di demarcazione della corsia come riferimento, grazie a un radar e a una telecamera, entrambi montati sulla parte anteriore dell'auto, rispettivamente sulla griglia e sul parabrezza. Il sistema si attiva con un pulsante e prende il controllo dell'acceleratore, del freno, dello sterzo e del cambio automatico; si può disattivare in qualsiasi momento, agendo su uno di questi comandi o attivando l'indicatore di direzione, ma il guidatore deve comunque mantenere il contatto con il volante, pena l'attivazione di una serie di avvisi in base alla velocità e alla posizione dell’auto rispetto agli altri veicoli.

Il Remote Park Assist

Questo sistema, in ogni caso, utilizza altre due tecnologie in fase si sperimentazione: il controllo adattivo della velocità di crociera con Stop&Go e il sistema di assistenza al mantenimento della linea di corsia. Il primo è in grado non solo di regolare la velocità per mantenere la distanza di sicurezza, ma può anche rallentare l’auto fino a fermarla,e accelerare per farla ripartire. Il secondo, invece, aiuta invece il guidatore a posizionarsi al centro della corsia e a mantenere costante la traiettoria rispetto alle linee di demarcazione. Infine, è in fase finale di sviluppo anche la prossima generazione di (Remote) Park Assist, che sarà in grado di eseguire le manovre di parcheggio in completa autonomia e perfino a distanza, parcheggiando anche in perpendicolare nei garage più stretti.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , Ford , guida autonoma


Top