Accessori

pubblicato il 14 dicembre 2015

Telecamera posteriore, dalla più economica alla più costosa

La Dacia Duster la propone in optional a 250 euro, mentre sulla Ferrari 488 GTB ce ne vogliono quasi 2.000

Telecamera posteriore, dalla più economica alla più costosa
Galleria fotografica - Telecamere posteriori, la classifica dei prezziGalleria fotografica - Telecamere posteriori, la classifica dei prezzi
  • 1. Dacia Duster	   - anteprima 1
  • 2. Jaguar F-Type	   - anteprima 2
  • 3. BMW Serie 2 Active Tourer   - anteprima 3
  • 4. Ford Mondeo Station Wagon
   - anteprima 4
  • 5. Audi A4  - anteprima 5
  • 6. Citroen C1	   - anteprima 6

Quanto siete bravi a parcheggiare? Che siate professionisti del “parcheggio impossibile” o automobilisti alle prime armi, è innegabile che la telecamera posteriore o retrocamera sia un supporto prezioso per fare la manovra meglio e con meno rischi per la carrozzeria. Le tendenze stilistiche degli ultimi anni, infatti, hanno alzato sempre più la “linea di cintura”, portando le auto ad avere sempre più lamiera e sempre meno vetro, oltre che a rastremare la parte posteriore della vettura. Il risultato è che molto spesso dietro non si vede niente, le forme dell'auto si possono solo intuire. Chi ha avuto modo di parcheggiare una vecchia Fiat Panda sa di cosa parlo, sebbene farlo ora sarebbe uno choc per la mancanza del servosterzo. Ad ogni modo, le retrocamere vengono in aiuto e sono offerte praticamente da tutte le auto, anche da quelle dove magari se ne potrebbe fare a meno.

Dalla Bentley Mulsanne alla Citroen C1

La Citroen C1, per esempio, offre la retrocamera a 750 euro, in abbinamento al sistema di infotainment con display da 7 pollici, ma la sua lunghezza complessiva di 3,47 metri consente quasi di toccare il lunotto posteriore con la mano, girandosi dal posto guida. La Bentley Mulsanne, invece, è un bel po' più grossa e difficile da manovrare (5,58 metri di lunghezza), ma pur con un prezzo di listino che parte da 324.284 euro, se volete la telecamera posteriore dovrete sborsarne altri 1.641. Stesso discorso vale per un'altra “prima donna” britannica, come la Aston Martin V12 Coupé, che sarebbe un peccato graffiare in parcheggio; qui la retrocamera vale 1.500 euro, a fronte di un prezzo di listino di 189.121 euro. Anche sulla Jaguar F-Type, tanto per rimanere nel Regno Unito, la telecamera posteriore si paga a parte, ma bisogna sborsare solo 330 euro, per un pacchetto che include anche i sensori di parcheggio.

Dalla Dacia Duster alla Ferrari 488 GTB

Un prezzo basso, di poco superiore a quello della Dacia Duster, dove la retrocamera costa solo 250 euro. All'estremo opposto, invece, c'è la Hyundai i20 che include la telecamera posteriore solamente nel Deluxe Pack; costa 2.000 euro ma comprende molto altro, tra cui i sedili in pelle e riscaldabili. Un prezzo simile a quello con cui, per la Ferrari 488 GTB si acquista la sola retrocamera (1.936 euro). Spendendone 4.356, invece, si può avere anche quella anteriore, una vera rarità. Costi molto più ragionevoli, infine, sono quelli previsti per le retrocamere di tre modelli di classe media, dove sicuramente è meglio averle. Sia la Ford Mondeo Station Wagon, sia la BMW Active Tourer che la Audi A4 prevedono la telecamera posteriore come optional: i prezzi sono rispettivamente di 500 euro, 410 euro e 545 euro.

Classifica dalla più economica

1. Dacia Duster, 250 euro
2. Jaguar F-Type, 330 euro
3. BMW Serie 2 Active Tourer, 410 euro
4. Ford Mondeo Station Wagon, 500 euro
5. Audi A4, 545 euro
6. Citroen C1, 750 euro
7. Aston Martin V12 Vantage, 1.500 euro
8. Bentley Mulsanne, 1.641 euro
9. Ferrari 488 GTB, 1.936 euro
10. Hyundai i20, 2.000 euro

Autore: Redazione

Tag: Accessori , autoaccessori


Vai allo speciale
  • Citroen al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 32
  • Hyundai al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 49
  • Abarth al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 20
  • Volkswagen al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 40
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top