Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 14 dicembre 2015

Rca online, sempre più utilizzata dagli italiani

Nel 2014 il 43% dei clienti si è rivolto alle imprese che rilasciano contratti attraverso internet

Rca online, sempre più utilizzata dagli italiani

Che il web cresca di prepotenza in Italia lo dice anche il settore auto. Ormai lo sappiamo: la vettura nuova si sceglie su internet. E anche la digitalizzazione avanza, ormai tutto passa per il web: dal contrassegno all’attestato di rischio, fino al Certificato di Proprietà. Analogamente, tira sempre più la Rca online: crescono gli italiani che utilizzano le compagnie dirette (quelle che rilasciano preventivi e anche contratti online) per scegliere la propria polizza assicurativa. Nel 2014, ben un assicurato su tre ha raccolto informazioni su Internet (nel 2013 la percentuale era del 14%), mentre il 43% dei clienti si è rivolto alle imprese dirette (contro il 37% del 2013). Lo dice l’indagine 2015 condotta dall’Osservatorio Ania (Associazione delle assicurazioni).

Una vasta fascia

Ma su quali numeri si basa l’indagine? La ricerca ha raccolto le risposte di 3.000 capifamiglia italiani, assicurati, di età compresa tra i 18 e i 74 anni, per comprendere il loro grado di soddisfazione sul mercato e sui prodotti assicurativi. E quindi i numeri sarebbero stati ben più alti se fossero stati inclusi ancora più giovani o nativi digitali, che utilizzano maggiormente il web. In generale, cresce la percentuale di clienti che utilizzano Internet in affiancamento al rapporto con l’agente (42% nel 2014 contro il 32% del 2013). Comunque, ma è giusto che sia così, l’intermediario in carne e ossa si conferma canale preferito dai consumatori: il 70% del campione dichiara di recarsi fisicamente in agenzia. Il web sarà ancora più forte se e quando tutte le compagnie, in Italia, faranno un altro salto di qualità: un dialogo immediato e istantaneo cliente-agente online.

In fuga per risparmiare

Il 40% dei clienti possiede più di una polizza ed è sempre più semplice e frequente il passaggio da una compagnia e l’altra: più di un quarto degli assicurati (27% nel 2014) ha cambiato impresa di assicurazione, soprattutto nella Rc auto, a conferma della dinamicità ed estrema competitività del mercato. Lo switch è agevolato dal web che non prevede la presenza di una persona fisica: su internet gli assicurati si sentono più liberi, indipendenti e inclini a cambiare compagnia. Rammentiamo che l’infedeltà paga: si deve eternamente andare a caccia di bonus d’ingresso da parte di una nuova compagnia. Un lavoro da ripetere con costanza ogni fine annualità. Se non altro, per strappare uno sconto ancora più forte dalla vostra vecchia assicurazione, sottoponendo il prezzo inferiore fatto da un’altra impresa: la nostra guida a cambiare compagnia lo spiega bene.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , assicurazioni


Top