Mercato

pubblicato il 10 dicembre 2015

Mazda6 i-Activ AWD, perché la trazione integrale rende speciali

Dai SUV CX-3 e CX-5, il 4x4 arriva sull'ammiraglia per "fare" come hanno insegnato i tedeschi...

Mazda6 i-Activ AWD, perché la trazione integrale rende speciali
Galleria fotografica - Mazda6 Berlina restyling 2015Galleria fotografica - Mazda6 Berlina restyling 2015
  • Mazda6 Berlina restyling 2015 - anteprima 1
  • Mazda6 Berlina restyling 2015 - anteprima 2
  • Mazda6 Berlina restyling 2015 - anteprima 3
  • Mazda6 Berlina restyling 2015 - anteprima 4
  • Mazda6 Berlina restyling 2015 - anteprima 5
  • Mazda6 Berlina restyling 2015 - anteprima 6

Che cosa vuol dire essere un brand premium? In estrema sintesi, avere una considerazione da parte dei clienti più alta della media del mercato e tale per cui questi accettano di pagare di più per un prodotto che ha delle caratteristiche migliori rispetto agli altri. Ma quali sono queste caratteristiche e come si fa a diventare un premium? Qui il discorso si complica perché anche una citycar da 10.000 euro può viaggiare da Roma a Milano con il cruise control fisso a 130 km/h, nello stesso tempo che occorre a una supercar da 200.000 euro. La differenza sta nel come. Marchi come Audi, BMW e Mercedes - tanto per citare i “soliti” - hanno costruito il loro essere premium in decenni di storia, proprio sul “come” anche se quelli di Ingolstadt hanno insegnato che si può anche partire praticamente dal nulla. Negli anni Settanta, infatti, la fama e l'immagine dell'Audi non erano nemmeno lontanamente paragonabili a quelli della Mercedes, ma nel 1980, con l'arrivo della Quattro, iniziò un lento processo di cambiamento per cui ora sono quelli di Stoccarda a rincorrere.

Come fanno i tedeschi

La strada verso il successo è stata lunga, faticosa e complessa, ma è innegabile che il contributo della trazione integrale sia stato fondamentale nel definire l'Audi come un'auto premium. Le quattro ruote motrici, infatti, regalano un senso di sicurezza, di protezione e di prestazioni che spesso fa la differenza nella scelta di una vettura. E se è vero che attualmente più di un'Audi su tre che esce dal concessionario è una Quattro, lo è pure che BMW e Mercedes hanno ampliato sempre di più le rispettive gamme Xdrive e 4Matic, portando le quattro ruote motrici anche su modelli che tradizionalmente non l'avevano. Implementare la trazione integrale per migliorare la propria immagine e la cifra complessiva dei prodotti è dunque una buona idea? Si, soprattutto se la Casa automobilistica che lo fa è già ben avviata sulla strada del diventare premium, come Mazda per esempio.

Il più premium tra i giapponesi

Il chiaro apprezzamento da parte del pubblico di prodotti come la CX-5 prima e la CX-3 poi, parla chiaro, allo stesso modo delle qualità della Mazda3 e della Mazda6, di cui anche gli addetti ai lavori non possono che dir bene. Il ritorno in grande stile della MX-5 e l'arrivo sul mercato americano della “full-size” SUV CX-9, insieme ai due ultimi prototipi mostrati nei Saloni, la Koeru e la RX Vision, indicano chiaramente che Mazda vuole ritagliarsi uno spazio tutto nuovo, come “il più premium dei marchi giapponesi”. Così, oltre che sulle due SUV CX-3 e CX-5, con l'ultimo restyling la trazione integrale è arrivata anche sull'ammiraglia Mazda6, seppure per adesso solo sulla versione station wagon top di gamma, cioè la 2.2 diesel 175 CV Exceed con cambio automatico. Un'auto il cui listino parte da 40.300 euro e che parla sicuramente a una certa fetta di pubblico, che può considerarla anche come alternativa ad altri modelli premium.

I-Activ AWD

La trazione integrale Mazda, quindi, dopo aver mostrato le sue doti sulle SUV CX-3 e CX5 debutta anche sulla Mazda6, con il nome di i-Activ AWD. È un sistema totalmente automatico, in grado di prevedere le condizioni del fondo stradale, rilevando i minimi slittamenti delle ruote, così da intervenire in tempo reale contribuendo a salvaguardare il piacere di guida in ogni condizione. Essendo anch'esso parte integrante della filosofia SkyActiv, sono stati banditi i pesi in eccesso e i comportamenti inefficienti, che peggiorano i consumi ma anche le prestazioni. L'affinamento dei componenti ha fatto si che la massa dell'intero sistema 4WD sia minore del 43% rispetto al precedente – nella CX-3, per esempio, l'aggravio di peso è di soli 64 kg rispetto alla versione 2WD - ma anche il funzionamento è notevolmente migliorato. Normalmente la coppia viene inviata solo all'asse anteriore, per poi passare anche al posteriore solo quando ce n'è realmente bisogno. In questo modo tutti gli attriti e i trascinamenti inutili vengono evitati e non ci sono dispersioni di coppia motrice. Si può definire come una trazione integrale on-demand di tipo attivo perché non si innesca solo quando una ruota inizia a slittare ma appena prima dello slittamento stesso.

Addio differenziale

Questo perché la distribuzione della potenza motrice tra ruote anteriori e posteriori viene gestita all'istante attraverso 27 sensori multipli che forniscono 200 letture al secondo sulle condizioni del veicolo. Inoltre, i sensori monitorano anche i comportamenti del conducente come per esempio l’attivazione del tergicristalli, una brusca sterzata, una rapida accelerata e frenata, tutti segnali che allertano il sistema per l’attivazione delle 4WD così come nel caso i sensori rilevino una temperatura esterna rigida e quindi un fondo stradale potenzialmente ghiacciato. Così, in casi estremi la coppia può essere inviata all'asse posteriore fino al 50% del totale, ma non è previsto un differenziale bloccabile centrale, bensì una frizione multi-disco che lavora in bagno d'olio ed è in grado di scollegare completamente il retrotreno: ci pensa l'elettronica a distribuire la trazione e il risparmio di peso è consistente.

Scheda Versione

Mazda Mazda6 Berlina
Nome
Mazda6 Berlina
Anno
2013 (restyling del 2015)
Tipo
Normale
Segmento
medie
Carrozzeria
3 volumi
Porte
4 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Alessandro Vai

Tag: Mercato , Mazda , auto giapponesi


Listino Mazda Mazda6

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
2.2L Skyactiv-D 150cv 6MT Essence anteriore diesel 150 2.2 5 € 28.950

LISTINO

2.0L Skyactiv-G 165cv 6MT Evolve anteriore benzina 165 2.0 5 € 30.500

LISTINO

2.2L Skyactiv-D 150cv 6MT Evolve anteriore diesel 150 2.2 5 € 31.250

LISTINO

2.2L Skyactiv-D 175cv 6MT Exceed anteriore diesel 175 2.2 5 € 34.300

LISTINO

2.5L Skyactiv-G 192cv Auto. Exceed anteriore benzina 192 2.5 5 € 34.800

LISTINO

 

Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 56
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 55
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 57
  •  - Salone di Parigi 2016 -
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top