dalla Home

Curiosità

pubblicato il 8 dicembre 2015

Dossier #sapevatelo

Le Rolls-Royce avevano sospensioni Citroen

Sulla Silver Shadow del 1965 debuttarono le sospensioni idropneumatiche sviluppate dagli inglesi su licenza

Le Rolls-Royce avevano sospensioni Citroen
Galleria fotografica - Rolls-Royce Silver Shadow 1965Galleria fotografica - Rolls-Royce Silver Shadow 1965
  • Rolls-Royce Silver Shadow 1965 - anteprima 1
  • Rolls-Royce Silver Shadow 1965 - anteprima 2
  • Rolls-Royce Silver Shadow 1965 - anteprima 3
  • Rolls-Royce Silver Shadow 1965 - anteprima 4
  • Rolls-Royce Silver Shadow 1965 - anteprima 5
  • Rolls-Royce Silver Shadow 1965 - anteprima 6

C'è stato un tempo, nell'industria automobilistica, in cui le tecnologie non erano a disposizione di tutti. In cui i componentisti non erano in grado di fornire un pacchetto completo di componenti a chiunque potesse pagare. Tempi in cui, chi aveva una tecnologia proprietaria e innovativa, se la teneva stretta, sapendo di avere un punto di vantaggio su tutti i concorrenti. Così accadde a Citroen nel 1955, quando insieme a quella che sarebbe poi diventata la leggendaria DS 19, inventò le sospensioni idropneumatiche, un sistema completamente meccanico (idraulico per la precisione) che era in grado di mantenere costante l'assetto e l'altezza della vettura da terra, che in questo modo non veniva influenzata né dalle condizioni del fondo stradale né dal carico presente a bordo.

Quasi 30 anni di carriera

Era un sistema rivoluzionario per l'epoca e funzionava egregiamente, tanto che il comfort di marcia della DS non era paragonabile a quello di nessun'altra auto, nemmeno delle nobilissime Rolls-Royce. Non c'è da stupirsi, quindi, se la Casa britannica, “custode” del lusso più totale per quanto riguarda le automobili, decise di acquistare la licenza di alcuni brevetti proprio da Citroen, per sviluppare un sistema di sospensioni analogo. Debuttò sulla Silver Shadow del 1965 e la sua carriera arrivò fino al modello successivo, la Silver Spirit I del 1980, per lasciare poi il posto al sistema Automatic Ride Control – alcune tra le prime sospensioni elettroniche disponibili sul mercato – sulla Silver Spirtit II del 1989.

Confortevole ma inaffidabile

Ad ogni modo, il sistema che debuttò nel 1965 aveva un doppio circuito frenante e due sistemi di autolivellamento delle sospensioni: uno all'anteriore e un altro al posteriore, ma dal 1969 rimase solo quest'ultimo perché i tecnici capirono che era questo a compiere la maggior parte del lavoro e che la presenza del primo non era necessaria. L'efficacia di queste sospensioni, quindi, era molto elevata, ma l'affidabilità non lo era altrettanto, tanto che si stima che quasi tutte le Silver Shadow abbiano avuto problemi di affidabilità al circuito idropneumatico.

Autore: Alessandro Vai

Tag: Curiosità , Rolls-Royce , auto inglesi , auto storiche


Top