dalla Home

Attualità

pubblicato il 1 dicembre 2015

UNASCA: nuovo vertice, nuovo programma

Coni Presidente punta su riforme e sicurezza. Confermati Patella e Pignoloni

UNASCA: nuovo vertice, nuovo programma

L'UNASCA, l’associazione che rappresenta gli studi di consulenza automobilistica e le autoscuole in Italia, cambia vertice. Nel corso del 14esimo Congresso nazionale dell’associazione, Antonangelo Coni è stato eletto nuovo Presidente, al posto di Vincenzo Cannatella che ha presieduto l’associazione per 16 anni. Confermati i due Segretari Nazionali, Emilio Patella per il settore autoscuole, e Ottorino Pignoloni, per Unasca settore Studi di Consulenza Automobilistica. Le linee guida del programma per il prossimo quadriennio sono il contributo alla realizzazione delle riforme pubbliche e private del comparto, con particolare riferimento alla Legge Madia, le battaglie per la legalità del settore, il contributo alla riduzione della morte su strada. "Sono in Unasca da 37 anni e ritengo che il nostro tratto rappresentativo più importante sia quello legato alle battaglie per la legalità, che io continuerò a portare avanti in modo incisivo", ha detto Coni, mentre Patella ha ricordato che l'obiettivo dell'associazione "è di far comprendere a cittadini e istituzioni che l’istituto della patente non è semplicemente una procedura di esame come tante altre, ma un qualcosa che ha a che fare con la vita e la sicurezza delle persone, come indicato ormai anche dall’indirizzo che ha finalmente preso la riforma del codice della strada con l’introduzione del reato di omicidio stradale". “Continuare a sostenere la reale modernizzazione del sistema è il nostro obiettivo centrale - ha aggiunto Pignoloni - . Il sistema del doppio archivio comporta un enorme spreco di risorse economiche per i cittadini e per lo Stato (quantificabile in 400 milioni di euro l’anno) che non è più giustificabile oltre che sostenibile. Siamo fiduciosi che dopo i diversi tentativi di riforma fatti negli ultimi venti anni, la Legge Madia riesca ora a portare a compimento questa importante normalizzazione del sistema italiano con la creazione di un solo documento e un archivio unico dei veicoli, con la cancellazione di zone di ombra e anomalie uniche al mondo".

Autore: Redazione

Tag: Attualità , nomine


Top