dalla Home

Curiosità

pubblicato il 25 novembre 2015

Incidenti stradali, l'obiettivo di Stop the Crash è dimezzarli entro il 2020

L'iniziativa sostenuta da Bosch punta sull'adozione delle tecnologie anti-collisione

Incidenti stradali, l'obiettivo di Stop the Crash è dimezzarli entro il 2020
Galleria fotografica - Bosch, le tecnologia per la sicurezza in autoGalleria fotografica - Bosch, le tecnologia per la sicurezza in auto
  • Bosch, le tecnologia per la sicurezza in auto - anteprima 1
  • Bosch, le tecnologia per la sicurezza in auto - anteprima 2
  • Bosch, le tecnologia per la sicurezza in auto - anteprima 3
  • Bosch, le tecnologia per la sicurezza in auto - anteprima 4

Ogni giorno 3.000 persone perdono la vita in incidenti stradali. Lo dicono i dati raccolti dalla Global NCAP, un'azienda inglese che si occupa di promuovere la sicurezza in auto, che ha registrato una media di 1,25 milioni all'anno in tutto il mondo. Dati inquietanti, che però l'iniziativa Stop the Crash, promossa dall'azienda inglese e sostenuta anche da Bosch insieme a Continental, Denso e molti altri, conta di dimezzare entro il 2020. Come? Grazie all'adozione più massiccia di tecnologie di sicurezza attiva come l'ESP o l'ABS (anche sulle moto, come ricordato da OmniMoto.it), la cui efficacia è ormai provata da tempo: dal 1995 - affermano i dati di Bosch - il solo uso dell'ESP ha evitato 190.000 incidenti in tutta Europa, salvando più di 6.000 vite e posizionando così il sistema elettronico solo un gradino sotto le cinture di sicurezza.

Sistemi come l'ESP sono obbligatori in Europa da anni su tutte le auto di nuova immatricolazione: fin dal 1 novembre 2014 una norma ne prevede l'installazione, portando al 90% la quota di veicoli protetti nel Vecchio Continente. Un dato molto alto che va a braccetto con quelli registrati in altri Stati con il medesimo obbligo (Stati Uniti, Australia, Canada, Israele, Russia, Giappone, Corea del Sud e Turchia), ma che si scontra con la situazione nel resto del mondo, fermo al 64%, a causa dei Paesi emergenti, dove anche sistemi ormai scontati come l'ESP non sono all'ordine del giorno. In Europa e negli USA infatti il controllo elettronico della stabilità è sempre più spesso integrato con tecnologie più evolute come la frenata d'emergenza automatica, in grado di far rallentare l'auto senza l'intervento dell'automobilista appena avvistato un ostacolo tramite radar. Un aiuto in più, che avvicina l'obiettivo fissato da Bosch e Global NCAP per il 2020.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , sicurezza stradale


Top