Attualità

pubblicato il 18 novembre 2015

Il numero unico 112 arriva a Roma e nel Lazio

L’esperimento è già partito da anni in Lombardia, ma manca il decreto per nazionalizzarlo

Il numero unico 112 arriva a Roma e nel Lazio

Gli automobilisti di Roma e provincia che hanno bisogno di chiamare le forze dell’ordine, l’ambulanza o i vigili del fuoco, da oggi possono utilizzare il numero unico 112, che manda in pensione i vecchi 113 (Polizia), 115 (Vigili del fuoco) e 118 (Emergenza sanitaria) e sostituisce lo stesso 112 storicamente attribuito ai Carabinieri. Dunque la Capitale, a pochi giorni dal Giubileo Straordinario, si allinea al resto d'Europa, dove il 112 è già attivo da tempo. Come lo è, a macchia di leopardo, in altri comuni italiani fra cui quello di Milano.

Siamo in ritardo

"Meglio tardi che mai" dobbiamo aggiungere, visto che il nuovo 112 è un progetto europeo che entro il 2008 sarebbe dovuto essere adottato da tutti i paesi membri dell’Unione. Tant'è che nel 2009 l'Italia a causa del ritardo è stata condannata al pagamento di una multa che il Governo è riuscito sospendere qualche tempo dopo, ma che rimane tutt'oggi pendente. Anche perchè, purtroppo, siamo ancora lontani dall'attivazione del 112 su scala nazionale.

Tanti vantaggi

L'accelerazione su Roma è legata ovviamente al Giubileo Straordinario che porterà in Italia centinaia di migliaia di pellegrini stranieri. E proprio gli stranieri con il 112 hanno già familiarità, dunque sarà più intuitivo per tutti richiedere soccorso. Inoltre si ridurrà il numero di chiamate "sbagliate" che intasano le linee, effettuate da coloro che fanno confusione fra i vari numeri telefonando magari alla Polizia per chiamare un ambulanza. Il centralino unico smista invece la chiamata all’interlocutore più indicato e garantisce - grazie alla geolocalizzazione delle telefonate - l’arrivo del soccorritore più vicino all’emergenza. A regime secondo quanto annunciato dalla Regione Lazio, si potranno gestire circa 15 mila chiamate nelle 24 ore, in 12 lingue, e le 15 postazioni standard potranno diventare 34 in casi particolari.

E il resto d'Italia?

Il 21 giugno 2010 il servizio di 112 è stato avviato in via sperimentale a Varese ed è stato esteso il 23 luglio 2012 alla provincia di Como, l'1 ottobre 2012 alle province di Monza Brianza e Lecco e il 6 novembre a Bergamo. Il 3 dicembre 2013 è arrivato nella provincia di Milano e dal 16 dicembre 2014 è stato attivato il Call Center di Brescia. I Call Center NUE 112 di Regione Lombardia sono tre: a Milano (per Milano e provincia), a Brescia (per le province di Brescia, Pavia, Cremona, Mantova, Sondrio e Lodi) e a Varese (per le province di Varese, Lecco, Como, Bergamo e Monza e Brianza). Poi quest’estate con un emendamento presentato durante la discussione al Senato della riforma della Pubblica amministrazione è stata prevista "l’istituzione del numero unico europeo 112 su tutto il territorio nazionale con centrali operative da realizzare in ambito regionale". Tuttavia manca ancora il decreto specifico del Governo che deve portare alla creazione di centrali operative regionali.

 

Autore:

Tag: Attualità , incidenti


Vai allo speciale
  • Volkswagen al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 9
  • Peugeot al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 29
  • DS al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 40
  • Jeep al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 1
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top