dalla Home

Motorsport

pubblicato il 8 agosto 2007

Maserati e Fangio campioni del mondo nella F1 del '57

L’argentino al Nuerburgring: “Non ho mai guidato così forte in vita mia e penso che non potrò farlo mai più”.

Maserati e Fangio campioni del mondo nella F1 del '57

Era il 4 agosto del 1957, quando sul circuito del Nuerburgring (il celebre Nordschleife di oltre 22 Km) un uomo e una macchina stavano per entrare nella storia della Formula 1. Lui, Juan Manuel Fangio, era soprannominato dai suoi avversari "il Maestro", mentre lei, la Maserati 250F, è l'auto che sarà esposta nello stand Maserati al prossimo Salone dell'Automobile di Francoforte, assieme alle vetture della gamma attuale, come la nuova GranTurismo e la Quattroporte.

Un'esposizione celebrativa? Esatto. Per ricordare il 50° anniversario della conquista del Campionato Mondiale di Formula 1 vinto in quella data, Maserati non soltanto ha deciso di mostrare a tutti la 250F ma anche di lanciare sul web un nuovo sito.

L'indirizzo a cui presto sarà possibile connettersi sarà maseraticelebratesfangio.com. L'idea è quella di diffondere in rete uno spazio virtuale per ripercorre, attraverso un viaggio multimediale coinvolgente ed interattivo, quella indimenticabile stagione. Non mancheranno perciò dettagliate monografie e fotografie d'autore.

Quel Gran Premio disputato al Nuerburgring nell'agosto del 1957 rappresenta ancora oggi una delle gare "culto" della Formula 1 perchè Fangio riuscì nell'impresa ritenuta quasi impossibile. Il pilota infatti fu abile a recuperare più di quaranta secondi in sette giri alle due Ferrari di Collins ed Hawthorn che conducevano la corsa. E' storia che durante una sosta ai box per il cambio gomme ed il rifornimento, il pilota di Balcarce perse oltre quarantacinque secondi a causa di un gallettone di un cerchio finito sotto la monoposto.

Fangio si cimentò quindi in una furiosa rimonta e concluse la gara in crescendo, abbassando giro dopo giro il record della pista, tanto che mai e poi mai i due piloti della Ferrari avrebbero pensato di vedersi raggiungere e superare. Soltanto a fine corsa l'asso argentino si rese conto di avere compiuto un'impresa epica e dichiarò: "Non ho mai guidato così forte in vita mia, e penso che non potrò farlo mai più".

Juan Manuel Fangio, che già nel 1954 si era laureato campione del mondo gareggiando - nella prima parte della stagione - al volante delle Maserati, dominò quella stagione e conquistò il suo quinto alloro mondiale all'età di quarantasei anni. Su sedici competizioni vissute con il Tridente nel 1957 (incluse le gare di Formula 1 non valide per il Campionato e le corse riservate alle Vetture Sport) Fangio ne vinse dieci.

Autore:

Tag: Motorsport , Maserati , formula 1


Top