dalla Home

Attualità

pubblicato il 12 novembre 2015

Dossier Dieselgate, lo scandalo dopo il caso Volkswagen

Dieselgate, nuove irregolarità in Germania

I controlli del KBA su 50 auto di marchi diversi scoprono anomalie nelle emissioni di NOx

Dieselgate, nuove irregolarità in Germania
Galleria fotografica - Volkswagen, i protagonisti dello scandaloGalleria fotografica - Volkswagen, i protagonisti dello scandalo
  • Volkswagen Passat Variant 2010 - anteprima 1
  • Volkswagen Golf VI - anteprima 2
  • Martin Winterkorn    - anteprima 3
  • Matthias Muller	   - anteprima 4
  • Motore Volkswagen TDI - anteprima 5
  • Motore Volkswagen TDI   - anteprima 6

Lo scandalo Dieselgate è stato solo l'inizio, almeno per quel che riguarda i controlli sulle emissioni allo scarico delle automobili nuove. A confermare questo inasprimento delle ispezioni successivo all'ammissione di colpa di Volkswagen arriva l'annuncio del KBA, l'autorità federale tedesca per l'omologazione veicoli, di controlli "a tappeto" avviati a fine settembre su 50 diversi modelli diesel prodotti da 23 Case automobilistiche. La notizia più importante è però che dopo aver testato i due terzi delle vetture il KBA ha riscontrato "livelli elevati nelle emissioni di ossidi di azoto", i famigerati NOx.

Sotto inchiesta quasi tutti i grandi gruppi automobilistici

Anche se non ci sono ancora indicazioni sui modelli "colpevoli", il KBA ha comunque pubblicato l'elenco delle vetture sotto inchiesta, scelte sulla base delle statistiche di immatricolazione in Germania e di indicazioni fornite da terze parti riguardo a possibili motori "inquinanti". La stessa autorità tedesca non dà indicazioni sui tempi di chiusura delle indagini, ma si limita a dire che sono in corso valutazioni più approfondite con altri enti di controllo e gli stessi Costruttori. Basta osservare la lista dei modelli riportati qui sotto per capire che sotto la lente del KBA ci sono i maggiori gruppi automobilistici mondiali, se non tutti, in ordine alfabetico da BMW a Volkswagen.

I commenti delle Case

Alcune delle Case automobilistiche coinvolte nell'indagine hanno già fatto conoscere la loro posizione. BMW sostiene di non essere fra i Costruttori interpellati dal KBA per chiarimenti e che le sue vetture "non alterano i test di emissioni, ma rispettano le leggi di ciascun Paese" e si aspetta di superare i test del KBA. Daimler dice: "i test sono i benvenuti, non abbiamo niente da nascondere", mentre Volkswagen e Opel non commentano e solo la Casa di Russelsheim ammette di essere in contanto con l'autorità federale.

I veicoli controllati dal KBA

Alfa Romeo Guilietta
Audi A3
Audi A6
BMW Serie 3
BMW Serie 5
Chevrolet Cruze
Dacia, motore SD
Fiat Ducato
Fiat Panda
Ford C-Max
Ford Focus
Honda HR-V
Hyundai i20
Hyundai iX35
Jeep Cherokee
Mazda6
Mercedes Classe C
Mercedes Classe V
Mercedes CLS
Mercedes Sprinter
MINI
Mitsubishi ASX
Nissan Navara
Opel Astra
Opel Insignia
Opel Zafira
Peugeot 308
Porsche Macan
Range Rover Evoque
Renault Kadjar
smart fortwo
Toyota Auris
Volkswagen Amarok
Volkswagen Beetle
Volkswagen Crafter
Volkswagen Golf
Volkswagen Golf SportsVan
Volkswagen Passat
Volkswagen Polo
Volkswagen Touran
Volkswagen Touareg
Volvo V60

Autore:

Tag: Attualità , dall'estero


Top