dalla Home

Accessori

pubblicato il 5 agosto 2007

Nissan continua la guerra contro l'alcol

Ecco l'auto che "testa" il guidatore

Nissan continua la guerra contro l'alcol

Dopo aver dato il via alla sperimentazione del Drink Driving, Nissan Motor Co. ha presentato una nuova concept car dotata di una strumentazione capace di valutare il grado di sobrietà del guidatore. Non solo, i dispositivi attualmente integrati a bordo di un modello di serie della berlina Fuga sono in grado di attivare anche una serie di misure preventive in caso venga riscontrato un tasso alcolico non lecito nel corpo del conducente, al punto che il veicolo può autobloccarsi completamente.

Come fa un'automobile a monitorare la condizione fisica di chi la guida? Per rispondere a questa domanda, Nissan ha utilizzato tre tipologie di strumenti: dei sensori di odore di alcol, un sistema di riconoscimento facciale ed uno di comportamento al volante.

Esaminando più da vicino i sensori che riconoscono l'odore delle sostanze alcoliche scopriamo innanzitutto che nel pomello del cambio è inserito un sensore altamente sensibile, che è capace di rilevare la presenza di alcol nelle goccioline di sudore sul palmo della mano del conducente non appena questi si mette alla guida. Se il tasso alcolico oltrepassa una soglia predeterminata, il sistema blocca automaticamente la trasmissione, immobilizzando il veicolo. Inoltre, un messaggio vocale emesso dal navigatore di bordo invita il guidatore a non sedersi al volante dopo aver assunto bevande alcoliche. Altri sensori di alcol sono integrati nei sedili del conducente e dei passeggeri per rilevare la presenza di alcol nell'aria all'interno dell'abitacolo. In caso di riscontro positivo, il sistema avverte gli occupanti dei pericoli della guida in stato di ebbrezza con un messaggio vocale e una segnalazione visiva sul monitor del navigatore.

Riguardo al sistema di riconoscimento facciale, una telecamera montata nel cruscotto tiene sotto controllo il volto del guidatore. Misurando i battiti delle ciglia, il sistema sa riconoscere gli effetti dell'alcol sullo stato di veglia di chi siede al volante. Se ci sono segni di assopimento, attiva un messaggio vocale e una segnalazione visiva tramite il navigatore, mentre un apposito meccanismo tende la cintura di sicurezza del guidatore per richiamare immediatamente la sua attenzione.

Infine, il comportamento al volante è costantemente monitorato attraverso un sistema che identifica i sintomi specifici della disattenzione o distrazione del guidatore (ad esempio eventuali superamenti di corsia). Se poi il sistema lo ritiene necessario, attiva segnalazioni vocali e visive di pericolo attraverso il navigatore di bordo. Anche in questo caso la cintura di sicurezza si tende per richiamare immediatamente l'attenzione del conducente.


Con auto del genere pare che il nostro "destino automobilistico" sia stato segnato...

Autore:

Tag: Accessori , Nissan , auto giapponesi


Top