Test

pubblicato il 11 novembre 2015

Italdesign Parcour, l'abbiamo provata... con voi [VIDEO]

E' il premio del concorso #geataggati: l'emozione di guidare un'auto unica al mondo

Galleria fotografica - Italdesign Giugiaro, la sede di MoncalieriGalleria fotografica - Italdesign Giugiaro, la sede di Moncalieri
  • Italdesign Giugiaro, la sede di Moncalieri - anteprima 1
  • Italdesign Giugiaro, la sede di Moncalieri - anteprima 2
  • Italdesign Giugiaro, la sede di Moncalieri - anteprima 3
  • Italdesign Giugiaro, la sede di Moncalieri - anteprima 4
  • Italdesign Giugiaro, la sede di Moncalieri - anteprima 5
  • Italdesign Giugiaro, la sede di Moncalieri - anteprima 6

Un selfie alla design week di Milano e vai col sogno: quello di poter guidare un esemplare unico e visitare un posto unico. Parliamo del concorso #geataggati che abbiamo messo in piedi con Italdesign Giugiaro e con la GEA, il prototipo di auto a guida autonoma che ha creato molta curiosità non solo tra il pubblico milanese, ma anche tra quelli che l’hanno potuta vedere al Salone di Ginevra. Le concept car, d’altronde, sono affascinanti perché anticipano il futuro e mostrano fin dove può arrivare la tecnologia. E in Italdesign, per tradizione, sanno cosa vuol dire anticipare i tempi e creare qualcosa di nuovo, che prima non c’era: poterlo già vedere, toccare e addirittura guidare, quindi, è un’esperienza molto emozionante, da condividere.

Una giornata da VIP

Ecco perché abbiamo realizzato la video-prova della Italdesign Giugiaro Parcour, ma questa volta, a differenza del test drive della Brivido, abbiamo voluto far provare anche a voi l’emozione esclusiva di andare in giro con un oggetto che tutti gli altri guardano come un’astronave, facendo dei gran sorrisi oltre che tante foto e domande. Purtroppo uno dei due vincitori non ha potuto raggiungere la sede Italdesign Giugiaro di Moncalieri, che per un giorno ha aperto le porte del suo museo, con i tanti prototipi che hanno fatto la storia ispirando modelli di serie di enorme successo. Senza dimenticare la visita in uno dei reparti più importanti nella progettazione di un’automobile: la sala virtuale, dove ingegneri e designer si riuniscono per discutere di oggetti che ancora non esistono.

Sportiva sempre, non conta su che strada

Fino ad arrivare alla realizzazione di un prototipo marciante, come la Parcour che, come suggerisce il nome ispirato ai traceur, è tutta impostata sul concetto di non fermarsi quando l’asfalto finisce. Senza essere un SUV “tradizionale”, però. Si tratta più di un incrocio tra una supercar e un fuoristrada, di una coupé rialzata, con tanto di gomme tassellate da 22 pollici, assetto e programmi di guida regolabili, e un motore 5.2 V10 Lamborghini da 550 CV. Che suono fa? Scopritelo guardando il video...

Galleria fotografica - Italdesign Giugiaro Parcour RoadsterGalleria fotografica - Italdesign Giugiaro Parcour Roadster
  • Italdesign Giugiaro Parcour Roadster - anteprima 1
  • Italdesign Giugiaro Parcour Roadster - anteprima 2
  • Italdesign Giugiaro Parcour Roadster - anteprima 3
  • Italdesign Giugiaro Parcour Roadster - anteprima 4
  • Italdesign Giugiaro Parcour Roadster - anteprima 5
  • Italdesign Giugiaro Parcour Roadster - anteprima 6

Autore:

Tag: Test , auto italiane , car design


Vai allo speciale
  • Tesla al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 5
  • Kia al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 22
  • Maserati al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 30
  • Alfa Romeo al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 4
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top