dalla Home

Home » Argomenti » Auto e Salute

pubblicato il 27 ottobre 2015

Crampo alla gamba in auto, cosa fare per evitare incidenti

Durante uno sforzo prolungato è importate reintegrare liquidi e sali minerali

Crampo alla gamba in auto, cosa fare per evitare incidenti

La prendiamo alla larga. Una raffica di starnuti mentre si guida (dovuti a un banale raffreddore) può essere pericoloso per la sicurezza stradale: si chiudono gli occhi per alcuni istanti, magari proprio durante una manovra delicata. E allora pensate al guaio che può causare un dolore muscolare improvviso e violento a coscia o polpaccio: parliamo del crampo del guidatore. Trattasi di contrazione involontaria di uno o più muscoli, esattamente come è involontaria e incontrollabile la raffica di starnuti. Vediamo di capirne le cause e i trucchi per limitare i problemi, al volante.

Dalla causa al rimedio

1# Perché vengono. In genere, i crampi sono causati da un’insufficiente ossigenazione del muscolo. Ma anche dal freddo, o dalla carenza di sali minerali. A incidere sono pure traumi fisici, o sforzi prolungati. Ricordate che un campanello d’allarme del crampo a coscia o polpaccio può essere un leggerissimo dolorino, magari in una situazione di stanchezza particolare.

2# Eccolo. Per distinguerlo da altri malanni, il crampo è un'improvvisa, fortissima contrazione involontaria e dolorosa del muscolo. A questo punto, si è davanti a un bivio: il male va via del tutto dopo una trentina di secondi; oppure diminuisce d’intensità nel tempo, sino a esaurirsi dopo mesi.

3# Prevenire. Per evitare che un crampo vi assalga alla coscia o al polpaccio mentre guidate, è bene reintegrare i liquidi e i sali minerali durante uno sforzo prolungato: se fate sport, bevete in abbondanza prima di rimettervi alla guida. Ci sono prodotti specifici in vendita in farmacia, a base di potassio. E comunque diminuite l'apporto di grassi nella vostra dieta.

4# In macchina. Occhio in particolare a quando guidate nel traffico: l’uso prolungato della frizione mette a dura prova la gamba sinistra. Ma anche la gamba destra, per freno e acceleratore (specie se si guida a fil di gas, con una certa tensione muscolare), è sotto stress.

5# Piccoli rimedi. Anche dopo il crampo, è prezioso reintegrare i liquidi e i sali minerali persi. Utili anche gli impacchi caldi sulla zona interessata. Ovviamente, queste sono terapie da mettere in atto una volta arrivati a casa. Le cose cambiano se un crampo vi assale in auto: in questo caso, occorre mantenere la calma, e cercare di fermarsi quanto prima in una zona sicura

6# Fatica, che nemico. Rammentate che la fatica, la stanchezza psicofisica, il mancato recupero dell’organismo, la tensione neuromuscolare sono i primi alleati del crampo. Il corpo tende a irrigidirsi, e magari la valvola di sfogo è il crampo a coscia o polpaccio.

Da distinguere

Se il crampo alla gamba vi infastidisce in modo molto saltuario, un’opera di prevenzione e cura fai-da-te, magari con l’ausilio di un medico in farmacia, va più che bene. Se invece i problemi si manifestano con una certa frequenza, allora è il caso che vi rivolgiate al vostro medico, il quale poi vi indirizzerà eventualmente dallo specialista.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , salute , sicurezza stradale


Top