dalla Home

Attualità

pubblicato il 22 ottobre 2015

Anas, appalti truccati: 10 arresti

Coinvolti dirigenti, imprenditori e l'ex sottosegretario Luigi Meduri

Anas, appalti truccati: 10 arresti
Galleria fotografica - Anas, i 4 crolli tra il 2014 e il 2015Galleria fotografica - Anas, i 4 crolli tra il 2014 e il 2015
  • Asfalto esploso sulla Statale 554 in Sardegna  	   - anteprima 1
  • Pilone crollato sulla Palermo-Catania	  	   - anteprima 2
  • Frana sulla Palermo-Agrigento  - anteprima 3
  • Viadotto crollato sulla Salerno-Reggio Calabria   - anteprima 4

Anas nella bufera più che mai. Un blitz della Finanza ha come risultato l’arresto di ben 10 persone, per appalti truccati. Nel mirino, ci finisce anche Luigi Meduri, attualmente nel Pd, che ha ricoperto l'incarico di sottosegretario al ministero dei Trasporti, dal maggio 2006 al maggio 2008, durante il secondo governo Prodi. Dal gennaio 1999 all'aprile 2000 è stato presidente della Regione Calabria. Le ipotesi di reato sono associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e voto di scambio.

Dama nera

Sono le 10 ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale di Roma che gli uomini della Guardia di finanza stanno eseguendo. Nell'inchiesta delle Fiamme gialle denominata "Dama nera" sono coinvolti 5 dirigenti e funzionari dell'Anas della Direzione generale di Roma, 3 imprenditori, titolari di aziende appaltatrici di primarie opere pubbliche e un avvocato, oltre allo stesso Meduri. Sono in corso anche 100 perquisizioni, in 11 Regioni. Ecco i nomi: Antonella Accroianò. Oreste De Grossi, Sergio Lagrotteria, Giovanni Parlato, Antonino Ferrante, Eugenio Battaglia, Concetto Bosco Logiudice, Francesco Costanzo, Giuliano Vidoni e l'ex sottosegretario Luigi Meduri.

L’Anas collabora

L'Anas ha fatto sapere di collaborare"alle indagini della Guardia di finanza, dando il massimo supporto anche in qualità di parte offesa dai fatti oggetto di indagine, accaduti negli anni passati". Il presidente di Anas, Gianni Vittorio Armani, ha espresso piena fiducia nel lavoro della Procura di Roma, e ha fatto sapere che l'Anas si costituerà parte offesa. Di sicuro, in attesa di capirne di più, c’è che per l’Anas è un periodo nerissimo: al di là della chiacchieratissima e infinita Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, negli scorsi mesi molte strade Anas sono crollate: si sono verificati cedimenti strutturali, con ponti e viadotti afflosciatisi su se stessi. Un putiferio che aveva fatto scendere in campo perfino il premier Matteo Renzi, e che aveva portato alle dimissioni del potentissimo Pietro Ciucci.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , autostrade , polizia


Top