dalla Home

Curiosità

pubblicato il 20 ottobre 2015

Dossier EXPO Milano 2015

SEM DX7, 16mila km sulla Via della Seta

Il SUV disegnato da Pininfarina è partito dalla Cina per arrivare all'Expo di Milano

SEM DX7, 16mila km sulla Via della Seta
Galleria fotografica - SEM DX7, sulla Via della SetaGalleria fotografica - SEM DX7, sulla Via della Seta
  • SEM DX7, sulla Via della Seta - anteprima 1
  • SEM DX7, sulla Via della Seta - anteprima 2
  • SEM DX7, sulla Via della Seta - anteprima 3
  • SEM DX7, sulla Via della Seta - anteprima 4
  • SEM DX7, sulla Via della Seta - anteprima 5
  • SEM DX7, sulla Via della Seta - anteprima 6

Una passerella d’onore ad EXPO Milano per il le auto cinesi. Insieme a Qoros, di cui vi abbiamo già raccontato, c'erano anche SEM-Soueast Motor ed altri marchi. In particolare SEM ha portato il DX7 disegnato da mano italiana, quella di Pininfarina. Nell’ambito del progetto “One Belt One Road”, otto esemplari sono partiti dall’Asia per arrivare al Padiglione Cina ad EXPO percorrendo 16mila chilometri tramite l’antica Via della Seta attraversando Kazakistan, Russia, Turchia, Grecia e altri Paesi. Un’occasione per unire idealmente (e nemmeno troppo idealmente) due continenti così lontani ma che stanno diventando sempre più vicini. La Cina è vicina verrebbe da dire e Pininfarina, che si è occupato della progettazione del veicolo, sembra averlo capito da tempo. Dal 1996 precisamente, anno in cui il designer torinese ha cominciato ad operare nel Paese asiatico.

In particolare la SEM-Soueast Motor ha presentato il concept della sua DX7 a Shanghai 2015 ed ora, senza grandi modifiche, lo ha messo in vendita. Non ci sono indiscrezioni riguardo ad una sua commercializzazione in Italia ma questo viaggio durato 70 giorni ha avuto l’obiettivo di far conoscere l’industria cinese dell’auto anche in Europa. Gli italiani in particolare (e sicuramente non tutti) hanno più familiarità con un marchio come Great Wall che qui ha commercializzato alcuni modelli che hanno avuto poca presa sulla clientela. Viene però da chiedersi se nel giro di qualche anno i marchi cinesi possano produrre auto in grado di raggiungere gli standard a cui noi europei siamo abituati, del resto è innegabile che le potenzialità produttive ci siano e con il passare del tempo si stiano compiendo passi avanti anche sul lato qualitativo. 

Autore: Giovanni Notaro

Tag: Curiosità , auto cinesi , expo


Top