dalla Home

Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 20 ottobre 2015

Rca contrassegno elettronico, le indicazioni Ivass

Dal 18 Ottobre non c'è più l'obbligo di esposizione, ma restano dei doveri per l'assicurato

Rca contrassegno elettronico, le indicazioni Ivass

Lo sanno tutti: il 18 ottobre 2015, è cessato l’obbligo di esposizione del contrassegno di assicurazione Rc auto su tutti i veicoli a motore. Ma forse è meno noto che resta fermo l’obbligo, previsto dall’articolo 180 del Codice della strada, di tenere a bordo del veicolo il certificato di assicurazione, vale a dire il documento che attesta la regolarità della copertura. L’obiettivo della dematerializzazione del contrassegno è principalmente quello di contrastare il fenomeno dell’evasione dell’obbligo assicurativo, anche al fine di promuovere significative riduzioni dei premi di assicurazione. È l’Ivass, Istituto di vigilanza sulle compagnie, a ricordarlo. E a dare altre dritte.

La prova che siete in regola

L’Ivass informa che, in caso di controlli delle autorità pubbliche, gli automobilisti possono dimostrare di avere ottemperato all’obbligo di assicurazione esibendo l’attestazione dell'avvenuta stipula del contratto e del pagamento del relativo premio. Questo prevale rispetto a quanto accertato o contestato a seguito di consultazione della banca dati delle coperture Rc auto. Insomma, la carta ha ancora la meglio, almeno per ora, sui vari database (un incrocio fra Motorizzazione e assicurazioni). Uno modo come un altro di evitare guai: magari la banca dati non è aggiornata a dovere, e allora possono nascere problemi, evitati col certificato assicurativo.

Portale, funzionerà tutto?

Per l’Ivass, sul Portale dell’automobilista (all’indirizzo www.ilportaledellautomobilista.it) è possibile verificare la presenza di copertura assicurativa sul veicolo. Anche se, questo va detto, in passato il Portale ha avuto qualche “vuoto”. E ci sono automobilisti che segnalano problemi in merito alle targhe e ai veicoli associati. Comunque, se il veicolo non risulta assicurato, potete segnalare la circostanza alla vostra compagnia ed, eventualmente, presentare reclamo all’Ivass.

Incidente, che fare

In caso di sinistro, informazioni di dettaglio sulla copertura assicurativa della controparte potranno essere richieste alla Consap. È la Concessionaria servizi assicurativi pubblici, interamente partecipata dal ministero dell'Economia. La stessa Consap che gestisce il Fondo di garanzia per le vittime della strada: interviene per coprire i danneggiati a seguito di incidenti con auto non assicurate o con pirati della strada.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , assicurazioni


Top