Curiosità

pubblicato il 19 ottobre 2015

Mercedes, dal presente al futuro dell'auto digitale

Produzione su misura, "smart factory", fabbriche in rete, robot intelligenti e molto altro per l'industria 4.0

Mercedes, dal presente al futuro dell'auto digitale
Galleria fotografica - Mercedes, la "smart factory" per l'auto digitaleGalleria fotografica - Mercedes, la "smart factory" per l'auto digitale
  • Mercedes, la \
  • Mercedes, la \
  • Mercedes, la \
  • Mercedes, la \
  • Mercedes, la \
  • Mercedes, la \

Mercedes-Benz scomoda niente meno che la Rivoluzione Industriale per affermare che il prossimo passo è la digitalizzazione dell'industria dell'auto dal punto di vista della progettazione, produzione, vendita e offerta di più ampi servizi di mobilità. L'obiettivo della Casa tedesca è quello di guidare l'intero settore verso la cosiddetta "Industrie 4.0", connettere l'intera filiera automotive in tempo reale per diventare il leader mondiale, "il costruttore automobilistico più innovativo in fatto di tecnologie digitali" come dice lo stesso ad Dieter Zetsche. Dietro ad una simile dichiarazione d'intenti c'è quindi la volonta per Mercedes-Benz di rivoluzionare i processi industriali per passare dalla produzione di massa ad una produzione su misura per le necessità di ogni cliente, gestita in fabbrica da una collaborazione fra uomini e robot che porta alla massimizzazione di produttività, qualità e flessibilità.

Robot intelligenti nella "smart factory" Mercedes

La "smart factory" pensata da Mercedes, ovvero la fabbrica intelligente, è al centro di questa rivoluzione digitale e connessa in rete che permette di avere un prodotto auto più personalizzabile, veloce ed efficiente da produrre, oltre che più facile da configurare e consegnare al cliente. Per questo la Casa della Stella ha sviluppato un programma in grado di simulare le quasi 4.000 fasi produttive che vanno dall'ordine dell'acquirente fino all'uscita dalla linea di montaggio di un'auto. Nella realtà Mercedes è già in grado di gestire in maniera digitale l'intera prima fase dell'impianto, grazie all'utilizzo di sistemi e architetture standardizzate e modulari lavorate dai robot. Le altre tecnologie che sanno di fantascienza stanno per essere o sono già adottate nelle fabbriche più evolute del marchio, come ad esempio la stampa 3D per attrezzi e parti speciali, head-up display, dati produttivi nel Cloud, dispositivi mobili e robot che potenziano l'attività degli operai o ne imparano i movimenti.

Car sharing e nuovi servizi di mobilità

Questi elementi che porteranno alla nascita della TecFactory di Mercedes-Benz sono già in fase di sviluppo e sperimentazione e comprendono l'uso di piccoli e leggeri robot, sistemi di trasporto automatizzati all'interno della fabbrica e altri robot dotati di sensori che si bloccano non appena un oggetto o una persona entrano nel loro raggio d'azione. La digitalizzazione dell'automobile come la intende Mercedes passa però anche attraverso una diversificazione dei servizi di mobilità che vanno dal car sharing come il car2go al Mercedes me che permette di prenotare interventi di officina o configurare i propri servizi finanziari.

Autore:

Tag: Curiosità , Mercedes-Benz , auto europee , produzione


Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 38
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 55
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 51
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 50
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top