dalla Home

Motorsport

pubblicato il 23 luglio 2007

Suzuki Sport trionfa alla Pikes Peak

"Monster" Tajima è il nuovo signore di Colorado Springs

Suzuki Sport trionfa alla Pikes Peak
Galleria fotografica - Suzuki alla Pikes Peak 2008Galleria fotografica - Suzuki alla Pikes Peak 2008
  • Suzuki alla Pikes Peak - anteprima 1
  • Suzuki alla Pikes Peak - anteprima 2
  • Suzuki alla Pikes Peak - anteprima 3
  • Suzuki alla Pikes Peak - anteprima 4
  • Suzuki alla Pikes Peak - anteprima 5
  • Suzuki alla Pikes Peak - anteprima 6

Se scriviamo "Pikes Peak" a cosa pensate? Se la vostra risposta gira intorno ad una tra le competizioni in salita più emozionanti mai concepite, allora ci siete andati molto vicini. La Pikes Peak è infatti una vera leggenda negli USA anche se - questo bisogna dirlo - i record e le imprese più memorabili sono state compiute da piloti non americani come Ari Vatenen con la mitica Peugeot 405 T16 (< video impedibile!), Walter Rohrl o ancora l'altrettanto famosa Michèle Bodmer, una delle donne più veloci al mondo.

A Colorado Springs (CO., USA) si è appena conclusa l'84esima edizione di questa speciale competizione e, nonostante la stragrande maggioranza dei partecipanti fossero di origine statunitense, il miglior tempo assoluto appartiene ora ad un team che col Colorado ha ben poco da spartire. La Suzuki Sport, con una squadra ufficiale, ha infatti compiuto l'impresa: il nuovo record della Pikes Peak è di 10:01.408, ottenuto dal funambolico Nobuhiro Tajima a bordo di una speciale XL7. Il giapponese volante ha polverizzato il precedente record del 1994 di 10:04.060 appartenente a Rod Millen.

Il 57enne Tajima, noto anche come il presidente di Suzuki Sport, ha coperto i 20 km ed i 1.400 metri di dislivello del tracciato in maniera impeccabilmente veloce, toccando i 205 km/h di velocità massima (altro record) nei brevi rettilinei compresi tra le 156 curve totali del percorso. Di certo la Suzuki XL7 preparata ad hoc per la gara si è rivelata "all'altezza della situazione": i 940 cv sviluppati dal V6 turbo hanno ricevuto una speciale preparazione al fine di resistere alla differente pressione dovuta ai cambiamenti di altitudine, specie nella parte conclusiva della gara, con arrivo posizionato a 4.301 m di altitudine!

Autore:

Tag: Motorsport , Suzuki , rally , piloti , record


Top