dalla Home

Curiosità

pubblicato il 13 ottobre 2015

Dossier Auto Moto d'Epoca 2015

Auto e Moto d'Epoca, Abarth sfoggia la 750 Record Bertone [VIDEO]

C'è anche la storica Monoposto Record accanto alla nuova 695 biposto

Galleria fotografica - Abarth al Salone Auto e Moto d'Epoca 2015Galleria fotografica - Abarth al Salone Auto e Moto d'Epoca 2015
  • Abarth al Salone Auto e Moto d\'Epoca 2015 - anteprima 1
  • Abarth al Salone Auto e Moto d\'Epoca 2015 - anteprima 2
  • Abarth al Salone Auto e Moto d\'Epoca 2015 - anteprima 3
  • Abarth al Salone Auto e Moto d\'Epoca 2015 - anteprima 4
  • Abarth al Salone Auto e Moto d\'Epoca 2015 - anteprima 5
  • Abarth al Salone Auto e Moto d\'Epoca 2015 - anteprima 6

Era il 1965 e Karl Abarth, il fondatore della Casa dello Scorpione, era a dieta ferrea. L'obiettivo? Perdere quei trenta chili necessari per infilarsi nella sua nuova Abarth Monoposto Record e segnare il record di accelerazione a Monza. La stessa che il marchio italiano sfoggia al Salone Auto e Moto d'Epoca 2015 a Padova dal 22 al 25 ottobre, un'occasione importante per confermare lo spirito sportivo e la tenancia dello Scorpione. A portare alta la bandiera italiana non ci sono infatti solo le glorie Alfa Romeo, ma anche pezzi unici come la Abarth 750 Record Bertone, vincitrice, grazie al tocco di Umberto Maglioli, di ben quattro primati di velocità internazionali nel 1960, o come la già citata Monoposto Record. E' compito invece della nuova 695 biposto tracciare una linea di continuità con il presente.

In piena sintonia con la cornice di Auto e Moto d'Epoca, il più importante Salone di heritage automobilistico d'Europa, la "piccola" Abarth 695 biposto è a Padova accanto alle antenate nobili per sintetizzare l'anima e la mission dello Scorpione: progettare e mettere in vendita auto che stiano a cavallo fra il mondo delle corse e quello delle vetture stradali. I 997 kg di peso uniti al motore 1.4 litri T-jet portato per la prima a 190 CV su un'auto "comune" garantiscono le prestazioni necessarie per regalare il piacere di guidare una sportiva da tracciato sulle strade di tutti i giorni: un obiettivo che Abarth persegue fin dalla sua nascita. Velocità massima di 230 km/h, rapporto peso/potenza di 5,2 kg per cavallo e la migliore accelerazione della categoria (lo 0-100 si ferma ai 5,9 secondi) si uniscono al cambio a innesti frontali - il cosiddetto dog ring - e al differenziale autobloccante a dischi, che permettono ai più esperti di salire di marcia senza usare la frizione. Una chicca racing che conferma ancora una volta l'anima sportiva sfoggiata alla Fiera di Padova dallo Scorpione.

Autore: Giovanni Notaro

Tag: Curiosità , Abarth , auto italiane , auto storiche , saloni dell'auto


Top