dalla Home

Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 12 ottobre 2015

Rc auto, in arrivo i controlli elettronici per scovare gli evasori

Autovelox, tutor e telecamere nelle ZTL. Manca solo l'ok del Senato

Rc auto, in arrivo i controlli elettronici per scovare gli evasori

Siamo a un passo dalla rivoluzione Rca, in positivo: il ddl concorrenza ha il sì della Camera, e si attende l’ok del Senato affinché norme molto valide (favoriscono gli automobilisti) diventino operative. Al di là degli aspetti tecnici sulle polizze Rca, stanno per arrivare i controllielettronici, per scovare gli evasori Rca: i 3,9 milioni di veicoli senza copertura assicurativa. Una piaga sociale, anche perché spesso chi evade la Rca si trasforma in pirata della strada, fuggendo dopo un incidente per evitare sanzioni.

Un “occhio” cui non sfugge nulla

Autovelox, Tutor, telecamere delle zone a traffico limitato: saranno questi “occhi elettronici” a snidare chi viaggia senza Rca. In occasione della rilevazione delle violazioni, non è necessaria la presenza degli organi di Polizia stradale qualora l'accertamento avvenga mediante dispositivi o apparecchiature che sono stati omologati ovvero approvati per il funzionamento in modo completamente automatico. Tali strumenti devono essere gestiti direttamente dagli organi di Polizia. La documentazione fotografica prodotta costituisce atto di accertamento, in ordine alla circostanza che al momento del rilevamento un determinato veicolo, munito di targa di immatricolazione, stava circolando sulla strada. Qualora, in base alle risultanze del raffronto di varie banche dati (Motorizzazione, assicurazioni), risulti che al momento del rilevamento un veicolo munito di targa di immatricolazione fosse sprovvisto della copertura assicurativa obbligatoria, è prevista una multa.

Tutto coerente

D’altronde, tutto rientra nel progetto della dematerializzazione della Rca: niente contrassegno. E in generale della digitalizzazione della pubblica amministrazione. Non resta che attendere la discussione del ddl concorrenza in Senato: sarebbe davvero un peccato se alcuni parlamentari subissero l’influenza delle assicurazioni, che mirano a stravolgere l’attuale testo del ddl, per introdurre regole a loro esclusivo vantaggio.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , assicurazioni , multe


Top