dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 9 ottobre 2015

Lamborghini SUV, ci piacerebbe così

In questo rendering abbiamo ricostruito le forme della "rialzata" emiliana

Lamborghini SUV, ci piacerebbe così
Galleria fotografica - SUV Lamborghini, il renderingGalleria fotografica - SUV Lamborghini, il rendering
  • SUV Lamborghini, il rendering - anteprima 1
  • SUV Lamborghini, il rendering - anteprima 2
  • SUV Lamborghini, il rendering - anteprima 3
  • SUV Lamborghini, il rendering - anteprima 4
  • SUV Lamborghini, il rendering - anteprima 5
  • SUV Lamborghini, il rendering - anteprima 6

Appassionati e “malati” di auto, armatevi di pazienza, perché la Lamborghini Urus, il secondo SUV della Casa emiliana dopo la leggendaria LM 002 del 1986, non arriverà sul mercato prima del 2018. Inoltre, sarà sicuramente diverso dal concept visto nel 2012 al Salone di Pechino, rispetto al quale avrà dimensioni maggiori. Un SUV dal prezzo che supererà facilmente i 200.000 euro, infatti, dovrà essere in grado di ospitare comodamente quattro o cinque persone e per questo avrà una lunghezza (e un passo maggiore), ma sarà anche più alto nella linea del padiglione. Così, abbiamo provato a immaginarlo e vi mostriamo la nostra interpretazione in questo rendering, dove l’influenza della Urus, che aveva riscosso grande successo, rimane comunque evidente.

Parente della Bentley Bentayga

Quanto alla scheda tecnica, la Urus verrà sviluppata sul pianale MLB del Gruppo Volkswagen, quello dell’Audi Q7, per intenderci, che ha già permesso di creare un’altra SUV extra-lusso, la Bentley Bentayga. Rispetto a questa, però, la Urus sarà molto più sportiva, una vera Lamborghini, con cerchi in lega di grande diametro uno sfavillante tetto in cristallo e, soprattutto, motori “tonanti”. Su quest’ultimo punto, però, la trama si infittisce, perché un’auto che facilmente toccherà le due tonnellate di peso e vorrà comunque mantenere prestazioni da “Lambo”, dovrà servirsi di un motore sovralimentato, una novità assoluta dalle parti di Sant’Agata Bolognese.

Diesel no, ibrida plug-in forse

Il diesel, invece, non verrà nemmeno preso in considerazione, perché considerato troppo lontano dal DNA delle auto del Toro. In un futuro più remoto, invece, potrebbe essere più probabile una versione plug-in hybrid, anche perché è una tecnologia già in possesso del Gruppo VW e prevista dalla piattaforma. A questo punto non rimane che attendere, ricordando che la SUV Lamborghini nascerà in Italia con un investimento di 800 milioni di euro e che porterà alla creazione di almeno 500 posti di lavoro.

Autore: Alessandro Vai

Tag: Anticipazioni , Lamborghini , auto europee , auto italiane , rendering


Top