dalla Home

Attualità

pubblicato il 6 ottobre 2015

Dossier Dieselgate, lo scandalo dopo il caso Volkswagen

Dieselgate Volkswagen, Muller parla davanti a 20 mila dipendenti

La priorità è recuperare la fiducia dei clienti, ma saranno cancellati gli investimenti non indispensabili

Dieselgate Volkswagen, Muller parla davanti a 20 mila dipendenti

Matthias Muller, neoeletto CEO di Volkswagen, è tornato a parlare in pubblico e lo ha fatto davanti una rappresentanza di 20 mila dipendenti dello stabilimento Wolfsburg, ovvero la categoria più colpita (insieme ai clienti) dallo scandalo del Dieselgate. E' stato un discorso a tutto tondo per dare un’iniezione di fiducia condita con una bella dose di realismo e quindi, rassicurante fino ad un certo punto. “Mentre la soluzione del problema dal punto di vista tecnico è imminente - ha detto Muller - non siamo in grado di quantificare il danno commerciale e finanziario e quindi abbiamo iniziato a revisionare il piano di investimenti. Qualsiasi cosa non è indispensabile sarà cancellata o rinviata”.

Di fatto Volkswagen sta ridisegnando la vision aziendale e i contorni si definiranno solo nelle prossime settimane fermo restando, ha precisato Muller, che sarà rafforzato l’impegno per accrescere l’efficienza di tutte le automobili. Mentre è troppo presto per parlare di risvolti occupazionali: "faremo il possible per garantire la sicurezza futura dei posti di lavoro".

Il CEO tedesco ha spiegato qual'è la priorità del Gruppo per uscire dalla crisi più grande della storia dell’industria dell’automobile: “Il nostro compito è recuperare la fiducia che abbiamo perso con i nostri clienti, i nostri partner, gli investitori e l’opinione pubblica”. E in tal senso ha sottolineato l'importanza dell'indagine interna: “solo quando avremo messo tutto sul tavolo, rivoltando ogni singolo sasso, solo allora ritornerà la fiducia…”.

Muller ha quindi ricordato che tutte le auto coinvolte nel Dielsegate sono tecnicamente sicure per circolare e che tutti i nuovi modelli Euro 6 rispondono alle normative. “Per Wolfsburg – ha chiosato il CEO del Gruppo – questo significa che la produzione può continuare”.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , Volkswagen , inquinamento


Top