Attualità

pubblicato il 1 ottobre 2015

Dossier Dieselgate, lo scandalo dopo il caso Volkswagen

Dieselgate in Italia, tutte le auto coinvolte

Sono 648.458 vetture fra tutti i marchi (Audi, Seat, Skoda e Volkswagen). I clienti saranno contattati nelle prossime settimane

Dieselgate in Italia, tutte le auto coinvolte
Galleria fotografica - Volkswagen, i protagonisti dello scandaloGalleria fotografica - Volkswagen, i protagonisti dello scandalo
  • Volkswagen Passat Variant 2010 - anteprima 1
  • Volkswagen Golf VI - anteprima 2
  • Martin Winterkorn    - anteprima 3
  • Matthias Muller	   - anteprima 4
  • Motore Volkswagen TDI - anteprima 5
  • Motore Volkswagen TDI   - anteprima 6

Sono arrivati i primi dati ufficiali sulle auto coinvolte in Italia nel Dieselgate. In tutto sono 648.458, di cui 361.432 Volkswagen, 197.421 Audi, 35.348 Seat, 38.966 Skoda e 15.291 veicoli commerciali. I numeri sono stati diffusi da Volkswagen Group Italia che ha confermato così un "intervento di manutenzione service" da effettuare nelle officine autorizzate sui veicoli dotati di motori diesel EA 189Euro 5. Non sono però stati ancora definiti gli interventi tecnici necessari per far rientrare le auto negli standard di omologazione. Il tema è molto complesso, come vi abbiamo spiegato in questo articolo, e a Wolfsburg si sono presi il mese di ottobre per trovare una soluzione sostenibile su scala mondiale.

Chi deve fare che cosa

I clienti in possesso di un'auto interessata dal problema saranno contattati direttamente dal Casa e quindi saranno informati sulle tempistiche e le modalità di esecuzione dell'intervento di officina. Nel frattempo potranno continuare ad utilizzare normalmente la loro auto perchè "tecnicamente sicura e adatta alla circolazione su strada". L'elenco preciso dei veicoli interessati sarà stilato sulla base del numero di telaio, sistema che permette anche di escludere puntualmente le auto che non necessitano dell'intervento. E, come anticipato nei giorni scorsi, sono comunque esclusi tutti i modelli equipaggiati con motore diesel omologato Euro 6.

EA 189, "chi è" il motore dello scandalo

La sigla EA 189 (dove EA sta per "EntwicklungsAuftrag", ovvero "contratto di sviluppo") si è letta spesso sui giornali in questi giorni, ma non tutti hanno spiegato di cosa si tratta come vi abbiamo invece raccontato noi. Si tratta non di un solo motore, ma di un'intera famiglia di turbodiesel common rail che, con potenze che vanno fra 110 e 184 CV e centralina motore Bosch EDC 17, comprende: il 2.0 TDI; il 1.6 TDI ed il tre cilindri 1.2 TDI. Negli anni questo common rail è stato utilizzato dalle migliaia di Audi, Seat, Skoda e Volkswagen che adesso sono state ufficialmente contate. Interessante, per chi vuole davvero capire l'argomento, è poi sapere come vengono misurati consumi ed emissioni in Europa e negli Stati Uniti, e come dovrebbero cambiare per essere più veritieri. Per questo vi suggeriamo di leggere l'articolo dedicato ai "Cicli di omologazione".

Autore:

Tag: Attualità , Volkswagen , auto europee , inquinamento , richiami


Vai allo speciale
  • Hyundai al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 33
  • Fiat al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 20
  • Hyundai al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 49
  • Kia al Salone di Parigi 2016 - Salone di Parigi 2016 - 22
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top