dalla Home

Attualità

pubblicato il 1 ottobre 2015

Dossier Dieselgate, lo scandalo dopo il caso Volkswagen

Porsche, Oliver Blume è il nuovo n°1

Succede a Matthias Müller, nuovo C.E.O. del Gruppo Volkswagen, nel quale c'è una "girandola" di poltrone

Porsche, Oliver Blume è il nuovo n°1
Galleria fotografica - Volkswagen, i protagonisti dello scandaloGalleria fotografica - Volkswagen, i protagonisti dello scandalo
  • Volkswagen Passat Variant 2010 - anteprima 1
  • Volkswagen Golf VI - anteprima 2
  • Martin Winterkorn    - anteprima 3
  • Matthias Muller	   - anteprima 4
  • Motore Volkswagen TDI - anteprima 5
  • Motore Volkswagen TDI   - anteprima 6

Lo scacchiere al vertice del Volkswagen Group è in grande fermento. Dopo l'addio forzato di Martin Winterkorn (peraltro indagato in Germania per frode) in seguito allo scandalo dieselgate, al posto di comando del colosso tedesco si è insediato Matthias Müller (62 anni), che ha lasciato vacante però la casella di C.E.O. della Porsche (sempre del Gruppo VW). Il suo posto è stato preso proprio ieri da Oliver Blume (47), ora nuovo amministratore delegato della Casa di Zuffenhausen, che ha inoltre annunciato la contestuale sostituzione, nel consiglio di amministrazione, di Bernhard Maier (55, entrato nel board della Skoda) con Detlev con Platen (51) nel ruolo di responsabile per le vendite e il marketing. E non è finita, perché anche il responsabile della finanza della Porsche, Thomas Edig, lascia il proprio posto a Lutz Meschke.

Ma torniamo al nuovo capo della Porsche: Oliver Blume giunge alla posizione di comando della Porsche dopo che nel 2013 era entrato a far parte del consiglio di amministrazione con la responsabilità per la produzione e la logistica. La sua nomina è stata accompagnata da queste parole, espresse dal "Chairman of Group Works Council of Porsche Uwe Hück": «Oliver è un uomo Porsche al 100%, i suoi punti di forza sono la mentalità positiva, capace di trascinare e motivare i colleghi, ma anche la spiccata competenza tecnica». I saluti e i ringraziamenti di rito al C.E.O. uscente Matthias Müller sono toccati invece al capo del "Supervisory Board of Porsche AG", Wolfgang Porsche: «La doppietta colta alla 24 Ore di Le Mans con la 919 Hybrid è stata la ciliegina sulla torta del lavoro egregio di Matthias Müller, di cui l'incredibile 918 Hybrid stradale è uno degli esempi più evidenti, ma che si concretizza anche e soprattutto nel raddoppio dei volumi di vendita, dell'utile e del numero di occupati raggiunti sotto la sua gestione".

Autore:

Tag: Attualità , auto europee , dall'estero


Top