dalla Home

Attualità

pubblicato il 30 settembre 2015

Dossier Dieselgate, lo scandalo dopo il caso Volkswagen

Dieselgate Volkswagen, concessionari preoccupati ma fiduciosi

Federauto, che rappresenta i dealer in Italia, auspica che i colpevoli vengano identificati e puniti al più presto

Dieselgate Volkswagen, concessionari preoccupati ma fiduciosi
Galleria fotografica - Volkswagen, i protagonisti dello scandaloGalleria fotografica - Volkswagen, i protagonisti dello scandalo
  • Volkswagen Passat Variant 2010 - anteprima 1
  • Volkswagen Golf VI - anteprima 2
  • Martin Winterkorn    - anteprima 3
  • Matthias Muller	   - anteprima 4
  • Motore Volkswagen TDI - anteprima 5
  • Motore Volkswagen TDI   - anteprima 6

Dieselgate Volkswagen. Da quando è esploso lo scandalo sui giornali non si parla d’altro. Ed è stato scritto di tutto; da ogni punto di vista. Adesso però è la volta dei concessionari che lavorano in Italia che, in una nota di Federauto (l'associazione che rappresenta i dealer ufficiali di tutti i brand commercializzati nel nostro Paese), esprimono la loro preoccupazione, fiduciosi però che “il gruppo tedesco darà risposte tempestive e concrete ai danneggiati a partire dai Clienti, alle Autorità, agli Stati e ai concessionari. Perché - spiega Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto - la bontà di un'azienda, o come in questo caso di una multinazionale, si misura proprio quando deve affrontare un grosso problema”. Pavan Bernacchi infatti ricorda che si tratta di “una vicenda che non ha precedenti” e che in Italia coinvolge, insieme ai clienti, le migliaia di persone che lavorano per il gruppo tedesco ed i suoi concessionari (oltre all’indotto). “E' vero, qualcuno ha giocato sporco, ha truffato”, dice Pavan Bernacchi che tiene a far riconoscere come parte lesa anche i lavoratori. “Auspichiamo che cadano immediatamente le teste di tutti quelli che hanno posto in essere questa truffa, o che sapevano e non hanno denunciato”.

Maurizio Spera, presidente dei concessionari Volkswagen ed Audi, ha aggiunto: "Sono sicuro che le preoccupazioni espresse dalla Clientela possano essere superate, attraverso l’identificazione delle auto coinvolte, oltre alla comunicazione da parte del costruttore della soluzione tecnica che si intende adottare per regolarizzare le emissioni nel rispetto delle normative vigenti. Il tutto gratuitamente, è importante ricordarlo, anche se superfluo. Il fatto grave rimane, ma sapremo affrontare la situazione e risolverla nel migliore dei modi". Infine è stata espressa solidarietà ai concessionari e ai service partner del Gruppo Volkswagen ed è stato assicurato che verrà fatto tutto il possibile affinché le “conseguenze sull’immagine e sulla stabilità del loro operato vengano tenute nella giusta considerazione sia da parte del Costruttore che delle Istituzioni”.

Autore:

Tag: Attualità , lavoro


Top