Attualità

pubblicato il 29 settembre 2015

Airbag difettosi, in America si vocifera di un altro maxi-richiamo

L'imputato è ancora Takata, fornitore giapponese di quasi tutte le Case automobilistiche

Airbag difettosi, in America si vocifera di un altro maxi-richiamo

Lunedì 18 settembre scoppia il caso dieselgate Volkswagen e da allora non si parla d'altro. Eppure, c'è un caso analogo che è una vera e propria "bomba" ancora innescata e pronta a (ri)esplodere: Takata. Di cosa stiamo parlando? Della questione degli airbag malfunzionanti forniti a quasi tutte le Case automobilistiche dall'azienda giapponese, che potrebbero esplodere accidentalmente, con tutto quello che ne può conseguire per la sicurezza. In particolare, in questi giorni ha ripreso corpo una voce secondo la quale altri sette marchi e/o Gruppi (oltre agli undici già interessati) si vedranno costretti, a breve, a effettuare un richiamo: Jaguar-Land Rover, Mercedes-Benz, Suzuki, Tesla e, indovinate un po', Volkswagen Group.

La NHTSA sta valutando il da farsi

Sia chiaro: al momento non è stata attivata alcuna nuova campagna di richiamo e la National Highway Traffic Safety Administration (la tanto temuta NHTSA statunitense, che vigila sulla sicurezza stradale), al momento, sta solo vagliando la possibilità di allargare ai marchi sopra citati l'obbligo di richiamare i veicoli dotati di airbag potenzialmente difettosi. Nel dettaglio, il problema sembra sia causato dall'innesco del sistema di protezione che si basa su gas propellente ammonio-nitrato: sostanze che soffrono l'umidità e che potrebbero generare il guasto alla base del caso Takata.

Milioni di airbag da sostituire

Se la nuova ondata di potenziali richiami dovesse trasformarsi in qualcosa di concreto, la "piccola" Takata (conta 35.000 dipendenti e produce, a regime, 350.000 sistemi airbag al mese) si vedrebbe sommersa da una quantità di pezzi da produrre alla quale non potrebbe far fronte. Basti pensare che solo il marchio Honda - che possiede delle quote in Takata - vede 13 milioni di vetture coinvolte e che secondo una stima dell'NHTSA di inizio settembre ci sarebbero da sostituire altri 10 milioni abbondanti (per un totale di oltre 23) di dispositivi di sicurezza nei soli Stati Uniti.

Autore:

Tag: Attualità , richiami , sicurezza stradale


Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 51
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 35
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 46
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 31
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top