dalla Home

Attualità

pubblicato il 29 settembre 2015

Dossier Dieselgate, lo scandalo dopo il caso Volkswagen

Dieselgate, Volkswagen of America crea il minisito

Informazioni ufficiali, video messaggi e risposte alle domande dei clienti USA sul TDI

Dieselgate, Volkswagen of America crea il minisito
Galleria fotografica - Dieselgate, Volkswagen of America il minisitoGalleria fotografica - Dieselgate, Volkswagen of America il minisito
  • Dieselgate, Volkswagen of America il minisito - anteprima 1
  • Dieselgate, Volkswagen of America il minisito - anteprima 2
  • Dieselgate, Volkswagen of America il minisito - anteprima 3
  • Dieselgate, Volkswagen of America il minisito - anteprima 4
  • Dieselgate, Volkswagen of America il minisito - anteprima 5
  • Dieselgate, Volkswagen of America il minisito - anteprima 6

Un minisito ufficiale dedicato al Dieselgate. Lo ha creato la divisione nordamericana della Volkswagen per rispondere alle domande dei clienti e dare informazioni ufficiali sullo scandalo che ha ormai raggiunto proporzioni globali. Il nuovo sito intitolato semplicemente Volkswagen Diesel Information, oltre a riportare tutte le comunicazioni ufficiali del Supervisory Board Volkswagen, i video messaggi e le dichiarazioni dei responsabili della Casa tedesca, serve anche per fare chiarezza tra le notizie discordanti che arrivano da fonti non ufficiali. Ricordiamo invece che in Italia non ci sono stati ancora richiami, ma Volkswagen Italia ha bloccato le vendite dei vecchi modelli Euro 5 in stock (cioè le vetture non più a listino ancora disponibili nei piazzali dei concessionari). La parte forse più interessante di vwdieselinfo.com è però quella delle risposte alle domande frequenti (FAQ) dove si trovano notizie utili a tutti. Ad esempio alla domanda: "Sono vere queste voci di stampa sulle centraline truccate?", il sito risponde che in effetti alcuni motori diesel hanno violato i regolamenti governativi sul controllo delle emissioni con appositi software, cosa di cui "VW si assume ogni responsabilità e per cui esprime profondo rammarico".

Un’altra risposta importante è quella sulla sicurezza dei modelli coinvolti ed elencati in un'apposita lista, definiti "sicuri da guidare" perché la vicenda riguarda i livelli di emissioni. Riguardo allo stop americano alle vendite si precisa che il 4 cilindri 2.0 TDI è stato ritirato e che si sta lavorando all’ottenimento delle corrette omologazioni dei MY 2016. A coloro che vedono di conseguenza allontanarsi la consegna dell’auto nuova Volkswaggen risponde che non ci sono tempi esatti per la risoluzione del problema, ma che stanno cercando di "velocizzare la cosa collaborando con le autorità preposte". A proposito del timore di alcuni di non superare i periodici controlli sulle emissioni allo scarico delle vetture già in circolazione Volkswagen conferma che non ci saranno problemi, ma che in caso di necessità c’è un numero verde e una e-mail del servizio clienti da contattare. 

Dieselgate, il messaggio ai clienti di Micheal Horn

Le parole rivolte ai clienti da parte di Micheal Horn, Presidente e CEO Volkswagen Group of America

Autore: Redazione

Tag: Attualità , Volkswagen


Top