dalla Home

Attualità

pubblicato il 25 settembre 2015

Dossier Dieselgate, lo scandalo dopo il caso Volkswagen

Dieselgate, AutoBild: su BMW “ci avete frainteso”

La rivista tedesca sostiene che siano stati gli altri media a montare lo scoop che ha fatto crollare il titolo in Borsa

Dieselgate, AutoBild: su BMW “ci avete frainteso”
Galleria fotografica - BMW X3 restylingGalleria fotografica - BMW X3 restyling
  • BMW X3 restyling - anteprima 1
  • BMW X3 restyling - anteprima 2
  • BMW X3 restyling - anteprima 3
  • BMW X3 restyling - anteprima 4
  • BMW X3 restyling - anteprima 5
  • BMW X3 restyling - anteprima 6

BMW come Volkswagen coinvolta nel Dieselgate, anzi no. AutoBild, l’inserto dedicato ai motori della tedesca Bild, non ha “mai avuto intenzione di accusare BMW di manipolare i livelli di emissioni”. Questo si legge oggi a chiare lettere sul magazine che da giovedì ha fatto molto parlare di sé per l’anticipazione di un articolo in cui si sosteneva che le BMW X3Drive 20d su strada avrebbero superato di 11 volte i limiti previsti dalle norme Euro 6 sulle emissioni di ossido di azoto. I test sarebbero stati effettuati dall’International Council on Clean Transportation ovvero dalla stessa organizzazione che ha dato il via al caso Volkswagen. Le conseguenze di questo scoop sono state immediate: il titolo di BMW in Borsa ha perso in un giorno il 5,4%. La casa bavarese ha replicato immediatamente di non aver mai manipolato i dati sulle emissioni ed ha chiesto spiegazioni dalla redazione di AutoBild, che oggi scrive: il comunicato di giovedì "è stato frainteso", “molti media hanno sfortunatamente interpretato male”.

Sarebbero stati gli altri mezzi di comunicazione quindi a interpretare non correttamente il comunicato stampa che giovedì AutoBild aveva diffuso col titolo: “Esclusivo, i diesel BMW significativamente sopra i livelli ammessi”. Oggi la rivista scrive: “Alla luce dello scandalo delle emissioni Volkswagen, AutoBild ritiene importante enfatizzare che i valori di emissioni della BMW X3 testata non dimostrano in alcun modo la manipolazione o l’esistenza di un dispositivo di manomissione come sui veicoli Volkswagen”. E ancora si precisa che “AutoBild non ha accesso ai dettagli di svolgimento del test, che potrebbero spiegare le discrepanze con il test di omologazione Nedc”.

Autore:

Tag: Attualità , nuovi motori


Top