Test

pubblicato il 25 settembre 2015

Dossier SPECIALE nuova MINI Clubman. La più grande di sempre

Nuova MINI Clubman, ora chiamatela pure "station wagon"

Alla ricercatezza di sempre, la nuova generazione abbina adesso spazio e versatilità

Nuova MINI Clubman, ora chiamatela pure "station wagon"
Galleria fotografica - MINI Clubman 2015Galleria fotografica - MINI Clubman 2015
  • MINI Clubman 2015 - anteprima 1
  • MINI Clubman 2015 - anteprima 2
  • MINI Clubman 2015 - anteprima 3
  • MINI Clubman 2015 - anteprima 4
  • MINI Clubman 2015 - anteprima 5
  • MINI Clubman 2015 - anteprima 6

Rassicuriamo subito il marketing MINI/BMW. Lo sappiamo: la Clubman non è una station wagon nel senso stretto del termine. Con tutto il buono e il meno buono che questo comporta. Il buono, va da sé, è lo status: vuoi mettere quanto è più "life style" definirsi shooting brake? Così infatti viene chiamata la Clubman da MINI, anche se le shooting brake in senso stretto sono un'altra cosa: hanno due porte soltanto, tanto per cominciare. Qui invece sono quattro e di tipo tradizionale; meno male, verrebbe da dire: la Clubdoor della vecchia generazione (presente solo sul lato destro, si apriva sbloccandola con l'apertura di quella anteriore) è stata abbandonata, a tutto vantaggio dell'accessibilità. Ancora, le dimensioni sono cresciute clamorosamente: da 3,96 a 4,25 metri di lunghezza, da 260 a 360 litri di bagagliaio in configurazione 5 posti, da 930 a 1.250 litri abbattendo gli schienali posteriori. Resta, senza pregiudicare la funzionalità e rendendo giusto merito alla storia del modello, la soluzione della doppia sponda posteriore per l'apertura del bagagliaio. La bocca di accesso non è certo tra le più ampie, né delle più vicine al suolo, ma poco male: la Clubman non vuole essere il mezzo di trasporto per il trasloco.

Più grande e "normalizzata", resta molto originale

Non c'è bisogno di vederla parcheggiata vicino al modello che l'ha preceduta: la nuova Clubman è sensibilmente più grande e la cosa si percepisce anche a "occhio nudo". Una crescita che però non ha pregiudicato le proporzioni né la personalità del modello: che sia una MINI - e nella fattispecie una Clubman - è chiaro fin dal primo approccio. I grandi classici del marchio come i fari arrotondati e la calandra esagonale sono ovviamente in comune con il resto della gamma, mentre a dare il "tocco Clubman" ci sono i due lunottini (ora leggermente inclinati in avanti e non più verticali), le maniglie per aprire i due battenti del bagagliaio e, soprattutto, il tetto perfettamente dritto e parallelo al suolo.

Molto più solida e spaziosa

La nuova Clubman potrebbe essere la soluzione per gli automobilisti - più precisamente le automobiliste - che amano il marchio, ma che nel vecchio modello non trovavano spazio per tutto, né il modo per caricarlo. Ora, con quattro porte, 29 cm in più di lunghezza e 10 aggiuntivi di passo, lo spazio per persone e cose è nettamente superiore. Quattro adulti al di sopra dei 180 cm di statura (dunque oltre la media nazionale) siedono comodamente e i 360 litri di bagagliaio non fanno gridare al miracolo, ma si tratta di 100 litri in più rispetto a prima, che risolvono non pochi problemi. Ma una MINI non si misura certamente solo con il metro. Conta il design, che ripropone il classico strumento centrale di notevoli dimensioni, attorno al quale è stata sviluppata una plancia molto elaborata, eppure funzionale: i portaoggetti non mancano e la qualità dei materiali soddisfa anche il più esigente. Altro capitolo sensibile è quello delle personalizzazioni: MINI, in questo campo, non deve imparare da nessuno. Se si ha voglia di "giocare" (e di spendere), le combinazioni possibili sono davvero numerose e anche delle più strane, sia dal punto di vista dei materiali sia da quello delle colorazioni. Infine, l'assemblaggio: gli scricchiolii del vecchio modello sono stati eliminati e anche "indagando" nelle parti più nascoste le tolleranze fra le varie superfici sono minime.

Agile e reattiva, la Cooper S ha un motore quasi cattivo

Così come non vuole essere una SW da carico, la Clubman non è e non vuole essere una sportiva estrema. Detto questo, con quel marchio sul cofano non può tralasciare il piacere di guida: fra le curve della campagna svedese, il cui asfalto purtroppo era bagnato, ho potuto apprezzare la "fermezza" dell'assetto, che limita il rollio senza per questo risultare troppo rigido. Gradevoli anche le risposte dello sterzo, rapido e abbastanza sensibile, anche se, lo ripeto, con il fondo bagnato non mi è stato possibile apprezzare fino in fondo il telaio della Clubman. Non mi ha lasciato alcun dubbio invece il motore della Cooper S: il 2.0 turbo eroga i suoi 192 CV in modo fluido ma non "addormentato" agli alti regimi (come spesso accade con i sovralimentati di cilindrata più piccola) e la coppia di 280 Nm - 300 con overboost - consente di viaggiare in souplesse a 1.300 giri, sicuri che comunque c'è spinta per riprendere velocità senza essere obbligati a scalare una marcia. A proposito di cambio, il sei marce manuale convince per la corsa corta e gli innesti precisi e, in modalità Sport, effettua la "doppietta" automatica. Irreprensibile l'automatico a 8 rapporti, veloce e vellutato. Il comfort, punto debole della Clubman del 2007, migliora da ogni punto di vista: le sospensioni smorzano meglio avvallamenti e rotture dell'asfalto, mentre l'insonorizzazione aerodinamica e di rotolamento è più accurata.

Prezzi da 24.800 euro

La gamma Clubman si apre con la versione Cooper spinta dal 1.500 tre cilindri a benzina da 136 CV (24.800 euro) e, per il momento, comprende solo Cooper S (28.800 euro) e Cooper D (2.0 da 150 CV 27.300 euro). Cooper e Cooper D includono nel prezzo i cerchi in lega da 16", gli interni in stoffa, il sensore pioggia e luce, il keyless per aprire e avviare la vettura senza estrarre la chiave dalla tasca e l'impianto audio con Bluetooth e usb. La Cooper S si arricchisce del kit aerodinamico specifico, dei cerchi da 17" e del sistema Performance Control e di altre accessori "minori". Gli optional? Come detto, le personalizzazioni sono tantissime, mi limito qui a citare gli optional principali: il cambio automatico costa 1.900 euro (2.100 con i paddles dietro al volante), tetto in vetro panoramico (1.150 euro), fari a led (1.100 euro) e interni in pelle (fino a 2.100 euro).

Scheda Versione

Mini MINI Clubman
Nome
MINI Clubman
Anno
2015
Tipo
Premium
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
Wagon
Porte
3 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Mini , auto inglesi


Listino Mini MINI

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
One anteriore benzina 102 1.5 5 € 22.300

LISTINO

One anteriore benzina 102 1.5 5 € 22.300

LISTINO

One Boost anteriore benzina 102 1.5 5 € 24.300

LISTINO

One D anteriore diesel 116 1.5 5 € 24.800

LISTINO

One D anteriore diesel 116 1.5 5 € 24.800

LISTINO

Cooper anteriore benzina 136 1.5 5 € 24.800

LISTINO

One Hype anteriore benzina 102 1.5 5 € 26.000

LISTINO

One D Boost anteriore diesel 116 1.5 5 € 26.800

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 30
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 48
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 50
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 43
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top