dalla Home

Live

pubblicato il 24 settembre 2015

Salone di Francoforte, Nissan Gripz è il futuro dei crossover

L'ad italiano Bruno Mattucci parla del concept e si sbilancia sull'elettrico in Italia

Salone di Francoforte, Nissan Gripz è il futuro dei crossover
Galleria fotografica - Nissan al Salone di Francoforte 2015Galleria fotografica - Nissan al Salone di Francoforte 2015
  • Nissan al Salone di Francoforte 2015 - anteprima 1
  • Nissan al Salone di Francoforte 2015 - anteprima 2
  • Nissan al Salone di Francoforte 2015 - anteprima 3
  • Nissan al Salone di Francoforte 2015 - anteprima 4
  • Nissan al Salone di Francoforte 2015 - anteprima 5
  • Nissan al Salone di Francoforte 2015 - anteprima 6

Pensi a Nissan e dici crossover. E ha proprio le forme di un crossover la Gripz presentata al Salone di Francoforte 2015 dalla casa giapponese, un concept che preannuncia il design delle future Nissan e adotta un sistema di propulsione elettrica con range extender inedito per il marchio. A Francoforte Nissan ha anche presentato il nuovo pick-up Navara NP300 - un'icona del segmento sulla cui base nasceranno un modello Renault e uno Mercedes - e una variante dell'elettrica Leaf con autonomia estesa a 250 chilometri. Abbiamo fatto un tour "speciale" dello stand Nissan guidati dall'amministratore delegato della divisione italiana Bruno Mattucci, per scoprire di più sulle novità del marchio a Francoforte.

OmniAuto.it: Lo stile della Nissan Gripz concept è un'anticipazione di quella che sarà la nuova Juke?
Bruno Mattucci: Diciamo che con questo concept vogliamo far vedere come evolveranno le linee della gamma crossover Nissan nel futuro. Le dimensioni fanno pensare a Juke, ma qui non c'è solo lei, c'è tutto il mondo crossover del marchio. A giudicare dal feedback positivo ricevuto nei giorni del salone, comunque, abbiamo capito che è la strada giusta da seguire.

OmniAuto.it: E la sua motorizzazione elettrica con range extender? Abbandonate l'elettrico "puro"?
Bruno Mattucci: La Gripz è un concept e anche la sua motorizzazione ne rispecchia lo spirito proiettato al futuro. Oggi, però, la strategia di Nissan è puntare sull'elettrico, tecnologia in cui siamo leader nel mondo, in Europa e in Italia. Proprio per questo qui al Salone di Francoforte facciamo vedere un'ulteriore evoluzione del nostro EV attraverso la presentazione della Nissan Leaf con autonomia estesa a 250 km.

OmniAuto.it: Quando arriverà la nuova Nissan Juke?
Bruno Mattucci: Per ora non abbiamo dettagli sulla nuova versione della Juke, anche perché l'abbiamo rinnovata l'anno scorso e i trend di vendita ci dicono che è un modello che incontra ancora i favori del pubblico. Come ogni costruttore, però, la nostra forza si misura anche sulla capacità di evolvere continuamente, quindi stiamo già lavorando sulla prossima generazione.

OmniAuto.it: … e la nuova Micra?
Bruno Mattucci: Quest'anno al Salone di Ginevra abbiamo già fatto vedere un concept, la Sway, che preannuncia quali saranno le linee stilistiche della nuova Micra, che arriverà tra un paio d'anni.

OmniAuto.it: La Juke è stata per anni leader tra i piccoli crossover, ma ha dovuto cedere il vertice alla "cugina" Renault Captur. C'è il rischio che il Qashqai venga scavalcato dalla Renault Kadjar?
Bruno Mattucci: Secondo le nostre analisi la clientela della Nissan Juke e della Renault Captur sono molto diverse. La Captur ha preso clienti dai segmenti tradizionali, portandoli nel mondo dei crossover. È meno aggressiva della Juke a livello stilistico e quindi si rivolge a una clientela che guarda a un crossover di tipo familiare. La Juke, invece, ha un target più orientato ai single e al mondo femminile. Chiaramente sono prodotti almeno in parte rivali, ma nei numeri di vendita contano molto anche le politiche commerciali. Sul Nissan Qashqai, invece, faccio una considerazione: nel 2007 eravamo gli unici nel settore dei crossover compatti e abbiamo venduto 20.000 veicoli. Oggi abbiamo 19 concorrenti, il mercato si è ridotto in termini di numeri complessivi e nonostante tutto venderemo oltre 30.000 Qashqai. In questo senso, si potrebbe dire che i nuovi concorrenti fanno percepire ancora di più la leadership di Qashqai nel segmento. Ora c'è una migrazione di clienti dai segmenti classici verso i crossover e di questa migrazione possiamo beneficiare tutti.

OmniAuto.it: Tornando alla Leaf, bastano 250 km di autonomia per portare l'elettrico in Italia fuori dalla sua nicchia?
Bruno Mattucci: 250 chilometri per molti rappresentano la soluzione, mentre per molti altri no. L'auto elettrica oggi resta un prodotto di nicchia, ma si sta allargando sempre di più e uno degli elementi che contribuisce ad allargarne il mercato è l'autonomia. Il secondo sono le infrastrutture e su questo dovremmo sollecitare di più l'intervento della pubblica amministrazione. Mi auguro che nella prossima finanziaria ci sia un'opportunità che aiuti i clienti italiani a prendere in considerazione l'elettrico come vera alternativa.

OmniAuto.it: In Italia venderà più la Nissan Leaf o il veicolo commerciale elettrico e-NV200?
Bruno Mattucci: In questo momento in Italia hanno più potenzialità le versioni van e bus del e-NV200, infatti stiamo vedendo più clienti business che si avvicinano all'elettrico. Con una politica fiscale e delle infrastrutture diversa, magari vedremo più privati prendere in considerazione la Nissan Leaf.

OmniAuto.it: Il nuovo pick-up Nissan NP300 Navara farà da base meccanica ad altri due modelli, marchiati Renault e Mercedes-Benz. Non avete paura della concorrenza?
Bruno Mattucci: La paura c'è sempre, però noi abbiamo una grande tradizione su cui fare leva con la nostra base di clienti. E proprio questa storica presenza nel mondo dei pick-up ci consente di rubare clienti alla nostra concorrenza. Il mercato in Italia per questo tipo di veicoli è piccolo, ma si tratta di un modello globale e un prodotto del genere serve anche per rafforzare l'opinione sul brand Nissan. Veicoli del genere dimostrano la capacità di un costruttore di cimentarsi in diversi settori e di creare innovazione anche in prodotti considerati tecnicamente tradizionali e "da lavoro". Abbiamo dotato il nuovo Nissan NP300 Navara di contenuti presenti sui nostri crossover come il Safety Shield, l'Around View Monitor e le sospensioni Multilink, che di solito si vedono sulle berline alto di gamma.

Autore: Andrea Fiorello

Tag: Live , Nissan , auto giapponesi , auto elettrica , interviste


Top