dalla Home

Live

pubblicato il 24 settembre 2015

Salone di Francoforte: Honda Project 2&4, metà auto metà MotoGP [VIDEO]

La Casa giapponese esplora le possibilità di connessione tra le due e le quattro ruote

Galleria fotografica - Honda al Salone di Francoforte 2015Galleria fotografica - Honda al Salone di Francoforte 2015
  • Honda al Salone di Francoforte 2015 - anteprima 1
  • Honda al Salone di Francoforte 2015 - anteprima 2
  • Honda al Salone di Francoforte 2015 - anteprima 3
  • Honda al Salone di Francoforte 2015 - anteprima 4
  • Honda al Salone di Francoforte 2015 - anteprima 5
  • Honda al Salone di Francoforte 2015 - anteprima 6

Se amate le MotoGP, ma di andare su due ruote proprio non ne volete sapere, Honda ha pensato a voi, portando al Salone di Francoforte un'auto che con la motocicletta di Daniel Pedrosa e Marc Marquez condivide il motore, seppure leggermente civilizzato. La definiamo automobile prendendoci una licenza poetica, perché a vederla dal vero sembra più un grosso go-kart con qualcosa di strano...il posto guida completamente asimmetrico con il sedile sospeso sull'asfalto. L'altezza, sia quella dal suolo che quella del corpo vettura (99 cm), è ridotta al minimo, così come le sovrastrutture e tutto quello che si può frapporre tra il pilota e la strada (il peso è di 405 kg). In poche parole, il massimo piacere di guida, attraverso la connessione uomo-macchina, è l'obiettivo finale della Honda Project 2&4 MotoGP.

Questa Honda, almeno per ora, è un prototipo realizzato in un unico esemplare, ed è frutto di un concorso lanciato dalla Casa giapponese all'interno di tutti i suoi centri stile sparsi nel mondo. Non c'erano regole, la carta bianca era totale e il focus era quello immaginare il carattere dei prodotti del futuro. Osservandola e girandole intorno, speriamo fortemente che ci sia una connessione tra questa Project 2&4 e le Honda del futuro. La trazione è posteriore e il motore centrale, un layout da Formula 1. I numeri del V4 da 999 cc parlano di 215 CV a 13.000 giri e di 118 Nm a 10.500 giri, gestiti dal cambio doppia frizione DCT a 6 rapporti, una vera rivoluzione del settore moto. La lunghezza di 3 metri e la larghezza di 1,8, infine, promettono una dinamica davvero racing. Difficile che possiate portarla in garage (anche se siete sceicchi) però, non è bellissima?

Autore: Alessandro Vai

Tag: Live , Honda , auto giapponesi , francoforte


Top