Curiosità

pubblicato il 16 settembre 2015

Salone di Francoforte: Thunder Power EV, anti-Tesla cinese

L’azienda cinese insegue quella americana nella lotta alle elettriche di fascia alta. Autonomia fino a 650 Km

Salone di Francoforte: Thunder Power EV, anti-Tesla cinese
Galleria fotografica - Thunder Power EVGalleria fotografica - Thunder Power EV
  • Thunder Power EV - anteprima 1
  • Thunder Power EV - anteprima 2
  • Thunder Power EV - anteprima 3
  • Thunder Power EV - anteprima 4
  • Thunder Power EV - anteprima 5
  • Thunder Power EV - anteprima 6

La rivoluzione elettrica, se così si può chiamare, non è stata così immediata come qualcuno avrebbe potuto sperare, ma la necessità di sviluppare queste tecnologie ha permesso a nuovi attori di affacciarsi nel mondo dell’automobile con soluzioni che si stanno rivelando valide (come Tesla) ed altre che promettono bene, almeno sulla carta. Thunder Power, azienda cinese specializzata nella fornitura di apparecchiature elettriche industriali, propone al Salone di Francoforte la sua Concept EV.

650 Km di autonomia

Il nome significa ovviamente Electric Vehicle della quale si sa veramente poco ma vediamo di capirne di più. La scelta sarà tra due versioni: una da 230 Kw e l’altra da 320. Quest’ultima dovrebbe accelerare da 0-100 in 5 secondi ed essere limitata a 250 Km/h ed entrambe potranno percorrere fino a 650 Km con un ciclo di ricarica e permettere di percorrerne altri 300 dopo 30 minuti. Dicevamo che sulla carta sembra promettere bene ed in effetti l’autonomia supera quella di Tesla di 528 Km, che per ora è il riferimento del settore, mantenendo prestazioni di tutto rispetto. Per ora il prezzo non è ancora stato comunicato ma alcune voci riportano un prezzo di 62 mila dollari, circa 55 mila euro.

In vendita dal 2017 in Europa

Le firme che hanno curato il design e la tecnica sono ugualmente degne di nota. Zagato si è occupato di dare alla EV il corpo, mentre sotto alla carrozzeria hanno lavorato uomini provenienti da diversi marchi noti dell’automobile: Peter Tutze, responsabile di vari progetti Lotus e anche della Bugatti Veyron; Frank Schulte invece è stato scelto come capo della produzione dopo aver rivestito importanti ruoli in Ford e Porsche. Inoltre allo stand di Francoforte c’è la versione da gara a quattro ruote motrici con alettoni e diffusori, cerchi maggiorati e assetto ribassato. Bisognerà aspettare il 2017 per vederla su strada in Europa e capirne lo possibilità ma se vivete in Cina tocca aspettare un anno in più.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , auto cinesi , francoforte


Vai allo speciale
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 56
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 45
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 52
  • Salone di Parigi 2016, le ragazze - Salone di Parigi 2016 - 55
Vai al Salone Salone di Parigi 2016
 
Top