dalla Home

Attualità

pubblicato il 14 settembre 2015

Google Car, ora ci lavora un ex manager Ford e Hyundai

John Krafcik, veterano dell’auto, sarà capo esecutivo dell’auto di Mountain View

Google Car, ora ci lavora un ex manager Ford e Hyundai
Galleria fotografica - L'auto di Google che guida da solaGalleria fotografica - L'auto di Google che guida da sola
  • L\'auto di Google che guida da sola - anteprima 1
  • L\'auto di Google che guida da sola - anteprima 2
  • L\'auto di Google che guida da sola - anteprima 3
  • L\'auto di Google che guida da sola - anteprima 4
  • L\'auto di Google che guida da sola - anteprima 5
  • L\'auto di Google che guida da sola - anteprima 6

Come al supermercato: uno di questo, uno di quello e un pizzico di quell’altro. I colossi dell’informatica - Apple e Google - stanno reclutando uno dopo l'altro i manager più in voga di diversi settori per assemblare la propria auto che guida da sola. Stavolta protagonista è l’azienda di Mountain View che ha deciso di “acquistare” un altro veterano del mondo dell’auto: John Krafcik. Il nome probabilmente vi dirà poco, ma vi basti sapere che da 40 anni lavora come ingegnere e manager in aziende come Ford e Hyundai. Ultimamente era stata Apple a darsi allo “shopping” di esperti del settore delle quattro ruote in particolare per dare vita alla sua Apple Car (se così si chiamerà), anche per ridurre il distacco che la divide da Google.

Quest’ultima, infatti, sta effettuando test su strada pubblica pari a 10 mila miglia a settimana (circa 16 mila Km) già da varie settimane. Krafcik ha detto: “Questa tecnologia può salvare migliaia di vite, dando a milioni di persone maggiore mobilità liberandoci dalla frustrazione della guida. Non vedo l’ora di iniziare”. Questo nuovo arrivo, accade nel mezzo di una riorganizzazione della compagnia all’interno della società Alphabet, della quale però la Google Car non entrerà ancora a far parte. L’auto della “Grande G” resterà quindi in Google X Lab, il progetto semi-segreto che si occupa di sviluppare importanti innovazioni tecnologiche. Tralasciando le dinamiche aziendali, ci sono buone possibilità che Google passi ad impegnare grosse risorse su prodotti commerciali e speculativi, come l'auto a guida autonoma appunto. Per sapere se questi colpi alle fondamenta del granitico mondo dell’auto siano credibili o si riveleranno dei fuochi di paglia, non ci rimane che aspettare ed osservare.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , google , auto americane , guida autonoma


Top